Notizie
Categorie: Giovanili - Allievi

Il Ladispoli torna a correre: la Tor Tre Teste è già un ricordo

La formazione di Marinelli riscatta il ko di via Candiani battendo il Rieti con le reti di Flores e Palmigiani. Inutile la rete ospite di Mostarda ad un quarto d'ora dal termine



6a Giornata - 26 ott 2014
2 - 1

MARCATORI Flores 17'pt (L), Palmigiani 29'pt (L), Mostarda 35'st (R) 

LADISPOLI Ceccucci 6.5, Di Giorgio 6, Barone 6, Barbato 6 (25'st Calabresi 6), Spagnoletti 6.5,Veneziale 6, Di Paolo 6, Cesarini 6.5, Palmigiani 7 (26'st Chesne 6),Flores 8 (27'st Soccorsi), Spina 6.5 PANCHINA Stricchiola, Bonfigli, Simi, Surraco ALLENATORE Marinelli 

RIETI Gentileschi 5.5, De Gennaro 6.5, Alessio Cesaretti 6 (24'st Mingolla 6), Mostarda 7.5, Grillo 5.5, Testa 6 (6'st Mingolla 6), Renzi 6.5 (29'st Giannini 6), Boni 6, Ortenzi 6.5 (10'st Tiengo 6), Alessandro Cesaretti 6 PANCHINA Melilli, Brucchietti, Pezzotti ALLENATORE Rogai 

ARBITRO Agostini di Viterbo, 7 

NOTE Allonanato al 24'st Rogai (R). Ammoniti Ortenzi, Boni, Flores, Chesne. Angoli 4-2. Rec. 2'pt - 3'st.

Simone Marinelli © facebook.itPrestazione di qualità e sostanza quella del team di Marinelli. I padroni di casa mettono in discesa la propria gara già nel primo tempo, grazie alle reti di Flores e Palmigiani. Nella ripresa i padroni di casa provano a gestire e tenere a bada un Rieti che esce a testa alta dal Marescotti, capace di regalare minuti di passione ai rossoblu sul finire con la rete di Mostarda.

Punizione per il Ladispoli al 10', siamo sul vertice basso: Flores batte in mezzo dove Spina attende il rimbalzo e prova a realizzare con un'acrobazia, ma la palla esce di poco alta. Dopo un avvio al piccolo trotto le squadre guadagnano velocità e gioco. Ancora un'occasione rossoblu al 16': il tiro dalla bandierina di Flores termina, dopo un batti e ribatti, sui piedi di Barone; questi punta lo specchio con una fucilata che sfila di poco oltre la traversa. Ma la rete è rimandata di soli sessanta secondi. Al 17' infatti Grillo è in ritardo su un lancio lungo del centrocampo tirrenico, la palla è per Flores che con un controllo da manuale si aggiusta la sfera, prende la mira e trafigge Gentileschi fissando l'1-0. Il Rieti però non è affatto domo. Ottima la punizione di Mostarda dalla trequarti centrale, un missile che e scema sfiorando l'incrocio. Grande azione offensiva del Ladispoli al 29': Flores riceve sulla tre quarti defilata, vede Palmigiani e lo serve; il numero nove non si attarda in leziosità ma guarda la porta e calcia di potenza, trovando la bellissima rete del raddoppio tirrenico. Il Rieti ora sembra accusare la seconda rete subìta. Il Ladispoli ne approfitta per mantenere alta la pressione. I reatini ritrovano concentrazione sul finire di frazione. Al 39' è una grandissima palla quella che confeziona Ortenzi dalla destra perAlessio Cesaretti, involatosi sul secondo palo, il terzino però viene anticipato di un soffio dal portiere di casa che fa ottima guardia.

La ripresa si apre così come si era chiusa la prima frazione: il Rieti prova a proporsi in avanti, sfruttando la freschezza portata in campo dai cambi. Il Ladispoli però non sta a guardare e si mantiene pericolosissimo davanti soprattutto con Flores, in grado di innescare anche i compagni che si avventurano negli ultimi sedici metri. Marinelli mantiene alta la tensione agonistica dalla panchina, e catechizza i suoi fissando come obiettivo la terza rete, quella della tranquillità. Al 16' Barone calcia alle stelle la grande occasione per blindare il risultato, alleviando così l'errore di Alessandro Cesaretti che, improvvisatosi in copertura, gli aveva consegnato la sfera. Il bellissimo uno - due fra i neo-entrati Soccorsi e Chesne, al 29', dimostra che la qualità del Ladispoli non teme la fase delle sostituzioni; efficace poi la copertura di Grillo, che impedisce al numero diciotto tirrenico la coordinazione al tiro da ottima posizione. I ritmi però si abbassano e a beneficiarne sono gli ospiti, che al 35', con una grande punizione di Mostarda dalla trequarti, accorciano le distanze eriaprono il match. Ma non c'è il tempo per raggiungere il pari. Dopo pochi minuti al cardiopalmo, l'arbitro dice che può bastare. Termina 2-1.