Notizie

Il momento di Antonio Sanabria... questo sconosciuto

Dopo la tripletta al Frosinone, l'attaccante paraguaiano sarà chiamato a fare la differenza anche martedì prossimo contro il Manchester City nei quarti di finale di UEFA Youth League



Antonio Sanabria in campo contro il CSKA Mosca foto©photosportiva.itUn diamante grezzo ancora da tagliare, aggrovigliato tra le difficoltà di una nuova avventura, perso in un limbo tra il calcio dei campioni e quello che lo saranno. E’ arrivato il momento che questo sconosciuto prenda la sua carta d’identità e la sventoli ai quattro venti, mostrando le qualità che hanno convinto l’indomito Sabatini a portarlo a Roma. Pagato quasi cinque milioni di euro, prelevato dalla cantera del Barcellona e parcheggiato pochi mesi a Sassuolo, Antonio Sanabria è approdato in giallorosso la scorsa estate, ma durante la stagione ha avuto pochissime chances per farsi notare. Oggetto misterioso della prima squadra, il paraguaiano finora ha collezionato tantissima panchina e una manciata di presenze in campo, per la precisione solo due contro Cagliari e Parma per poco più di mezzora di gioco. Tecnica, velocità e fiuto del gol finora le ha messe in mostra solo con la maglia della Primavera in due occasioni: contro il Bayern Monaco in trasferta (autore di due reti che non sono valse la vittoria) e ieri pomeriggio nell’anticipo della ventesima giornata di campionato contro il Frosinone, match in cui proprio Sanabria si è finalmente sbloccato realizzando una tripletta. Prove d’Europa per l’attaccante ex Barça, che sarà di nuovo alla guida dell’attacco giallorosso in una delle partite più importante della stagione, quella di martedì 17 marzo allo stadio Francioni di Latina (ore 18.00) contro il Manchester City. Del resto il sudamericano è uno dei punti fermi della formazione romanista per la UEFA Youth League, finora infatti è sempre sceso in campo, fatta eccezione solo per il match con l’Ajax negli ottavi di finale a cui ha dovuto rinunciare a causa degli impegni con la nazionale del Paraguay. Martedì prossimo sarà lui a guidare l’assalto giallorosso alla formazione di Patrick Viera, una delle poche squadre che in questa stagione è riuscita a battere la Roma tra le mura di Trigoria (le altre sono Livorno e Lazio). Un match che va preparato nei minimi dettagli, motivo per cui la sfida con il Frosinone di Roberto Sesena è stato anticipato a ieri pomeriggio. Nel reparto offensivo non ci saranno Verde e Ferri, il primo è ormai un giocatore della prima squadra, mentre il secondo non può partecipare per i limiti d’età imposti dalla UEFA. E’ così che Sanabria diventa determinante per provare a scrivere la storia della competizione continentale, avventura nella quale nessuna squadra italiana è arrivata così in fondo come la Roma di quest’anno. Oltre al paraguaiano Alberto De Rossi dovrà scegliere gli altri due attaccanti tra Vestenicky, Di Mariano e Di Livio. L’unica certezza rimane Antonio Sanabria, sulle spalle il carico dell’investimento fatto dal club giallorosso e delle aspettative dei tifosi romanisti, che vorrebbero vederlo brillare su un palcoscenico d’eccezione e non solo in un match di campionato Primavera contro il Frosinone. E’ il suo momento, stavolta il talento paraguaiano non può più esimersi dal dimostrare ciò che tutti sperano che sia.