Notizie

Il nuovo piano casa della Regione Lazio: stop a cemento e consumo del suolo

Norme semplici e ben definite con l’obiettivo di dare certezze sui tempi e trasparenza sulle procedure, per favorire l’housing sociale e la rigenerazione urbana



Image titleLa Regione approva una legge che indirizza in maniera chiara la pianificazione urbanistica, contrasta il consumo del suolo e aiuta le persone con un reddito basso ad ottenere un'abitazione a condizioni favorevoli: norme semplici e ben definite con l’obiettivo di dare certezze sui tempi e trasparenza sulle procedure. 

Norme innovative per favorire l’housing sociale e la rigenerazione urbana. Con l'aumento del 50% degli oneri di costruzione, la Regione vincola risorse economiche alla realizzazione di opere e  servizi pubblici direttamente nelle aree interessate. In più, da adesso, si favorisce l’attività agricola, definendo norme di salvaguardia per i parchi e per l’edilizia sociale. Sarà possibile intervenire solo sull’esistente: così non ci saranno nuove cubature ma interventi di sostituzione edilizia  che sosterremo e che serviranno per  riqualificare immobili e strutture che altrimenti resterebbero abbandonate o inutilizzate. 

Tutela del territorio da colate di cemento e saccheggi che devastano il paesaggio. Tra le altre cose, infatti, sono state eliminate le premialità sulle nuove cubature, quelle previste fino ad oggi sui terreni edificabili ma senza nessuna costruzione sopra: questo impedirà la crescita smisurata delle costruzioni sulle aree libere edificabili. 

Norme per favorire la costruzione di alloggi economicamente accessibili. In questo caso infatti sono state aumentato le premialità per gli interventi di demolizione e ricostruzione, senza generare in questo modo cubature aggiuntive rispetto a quelle già previste. 

Si potrà demolire e ricostruire all’interno delle aree agricole. Senza aumenti di cubatura, per interventi legati ad attività funzionali e compatibili all’attività agricola. E poi un’altra novità: in questo caso la destinazione agricola rimane per sempre e non solo per 10 anni come era previsto dalle precedenti norme. 


Più  semplificazione  e chiarezza. Garantiamo procedure chiare e tempi certi e trasparenti per garantire l’uguaglianza di trattamento per tutti. Per questo stabiliamo anche le modalità con cui rilasciare il permesso per costruire e la realizzazione delle opere di urbanizzazione. “Si tratta di modifiche importanti che forniscono un quadro di certezze ai cittadini e ai Comuni, - è il commento del presidente, Nicola Zingaretti, cha ha aggiunto: puntiamo sulla qualità e sulla rigenerazione urbana senza andare a consumare ulteriore suolo. Una legge che tutela il territorio regionale – ha detto ancora Zingaretti- da colate di cemento e dai saccheggi che hanno devastato il paesaggio”.