Notizie

Il nuovo piano per la mobilità della Regione Lazio: maggiori servizi per tutti

L’obiettivo è rafforzare la mobilità collettiva e pubblica del Lazio e riequilibrare l’offerta di trasporto dalla gomma al ferro



Dalla Regione un piano per la mobilità per assicurare a tutti i cittadini un servizio pubblico efficiente e di qualità. L’obiettivo è rafforzare la mobilità collettiva e pubblica del Lazio e riequilibrare l’offerta di trasporto dalla gomma al ferro, una svolta che il Lazio e Roma attendono da almeno 30 anni. 

Aumenta il trasporto su ferro. Vuol dire tante cose: meno emissioni, più diritti per i pendolari e per chi abita nelle aree urbane, più competitività nel turismo e nel trasporto merci.

Ecco le azioni principali che sta portando avanti la Regione.


Image titleConsegnati dieci nuovi treni Vivalto. Si tratta di mezzi moderni e innovativi che la Regione sta mettendo al servizio dei cittadini di tutto il Lazio. Ne saranno consegnati 26 entro i primi mesi del 2015. Oggi ne è stato inaugurato uno e sarà attivo sulle linee FL5 e FL6 , la Fiumicino-Civitavecchia e la linea Cassino.


Si rinnova l’intero parco rotabile del Lazio. La Regione investe 64 milioni di euro per comprare nuovi treni oltre ai 26 già previsti.


Tre nuove linee di servizio metropolitano su Roma. Ci saranno 20.000 posti a sedere in più e 200km di rete su ferro a servizio di Roma e della sua area metropolitana. I servizi miglioreranno sulla linea linea FL3 Roma – Viterbo, sulla FL1 Orte e sulla FL6  Cassino-Roma. Una vera e propria rivoluzione per la città con una media di un treno ogni 7,5 minuti nelle fasce orarie di punta e con l’introduzione di 4 nuovi treni nella fascia oraria tra le 6:00 e le 8:00.


Prevista la chiusura dell’anello ferroviario a nord. Sarà il prossimo passo una volta messo a regime il nuovo assetto tecnologico e rimodulati gli orari dei treni.


Alta velocità e servizi più efficienti da e per  Fiumicino. La Regione ha raggiunto l’accordo con Trenitalia e Rfi sull’alta velocità per l‘Aeroporto di Fiumicino. Da dicembre partiranno due coppie di treni ad alta velocità diretti da Fiumicino a Venezia, passando per Roma, Firenze e Bologna. E poi sarà potenziato anche il collegamento da Termini a Fiumicino, il Leonardo Express, che passerà da circa 70 a 90 treni al giorno.


Sevizi più semplici, stop alle sovrapposizioni. Solo in questo modo sarà davvero possibile rendere più moderna e efficiente la mobilità del Lazio: eliminando i doppioni,  sarà possibile far funzionare meglio l’offerta e aumentare l’efficienza senza produrre inutili sprechi.


Aumentano gli investimenti: La Regione investe circa 100 milioni di euro per l’acquisto di autobus euro 6, mobilità sostenibile, tram, proprio nell’ottica di armonizzazione, intermodalità e integrazione di tutto il sistema dei trasporti regionali sull’esempio di quanto avviene negli altri paesi europei.


“Un Piano della mobilità che scommette sul ferro per avere una Regione dove ci si muova meglio, senza l'incubo del traffico e dei treni pieni- è il commento del presidente, Nicola Zingaretti, che ha aggiunto: non possiamo governare 5 anni in preda alla discrezionalità e alle pulsioni territoriali e di interessi. Vogliamo produrre scelte di sistema, garantire un salto qualità della seconda regione italiana per pil con un progetto organico e condiviso”- ha detto ancora Zingaretti.

“Il Lazio non si era mai dotato di un piano della mobilità e questo è un passaggio storico che recupera ilritardo accumulato- lo ha detto Michele Civita, assessore ai trasporti, che ha aggiunto: è importante e qualificante perché aiuterà le amministrazioni a scegliere dove e come investire le scarse risorse che abbiamo a disposizione e a migliorare la qualità del servizio di trasporto pubblico”.