Notizie
Categorie: Dilettanti - Eccellenza

Il nuovo Pomezia si presenta: migliorare ancora, nonostante le difficoltà. Manuel Flore e Mauro Ciccarelli sono due giocatori rossoblu

Parlano il presidente Coculo, il dg Peri, il tecnico Francesco Punzi e il neo ds Angelo Cristofoletti



Da sinistra: Mauro Ciccarelli, Francesco Punzi e Manuel FloreIl Pomezia si presenta e si prepara per la stagione 2014/2015. Un nuovo logo, una nuova denominazione, un nuovo staff tecnico, ma la voglia di fare ancora bene con la prima squadra e le giovanili. Il budget è basso, ma il club ha dimostrato di saper disputare campionati di livello anche con un esborso modesto per una categoria difficile come l’Eccellenza. Torna Francesco Punzi, cresciuto ancora dopo l’esperienza a Rieti, che cercherà di riprendere il lavoro cominciato due stagioni fa, con la voglia di migliorare ancora. Presentati anche Manuel Flore (anche per lui è un ritorno) e il bomber Mauro Ciccarelli, 28 gol nella scorsa stagione in Promozione con il San Michele.

Federico Coculo. Il presidente è il primo a prendere la parola. Piedi ben saldi a terra, ma la consapevolezza che ci sono tutti gli ingredienti per ben figurare: “L’organizzazione del club è onerosa e pesante, ma andiamo avanti con lo stesso entusiasmo e voglia di far bene. Dopo quattro anni sul territorio ci è sembrato giusto cambiare la denominazione in Pomezia, per accattivarci la città. Abbiamo chiuso una stagione positiva, vincendo anche un campionato regionale con gli Allievi Fascia B, grazie al grande lavoro di Massimiliano Giurelli, che adesso guiderà la nostra Juniores”. Sulla questione Di Mario spiega: “Le porte sono sempre aperte a chi voglia abbracciare questa famiglia, non c’è nessuna preclusione, però ci deve essere la volontà comune di continuare il percorso intrapreso in questi anni. Trovo paradossale che in città ci siano cinque realtà calcistiche che si fanno concorrenza, quando potrebbero unire le forze e diventare un polo importante. Purtroppo ognuno guarda il proprio orticello...”.

Da sinistra: Federico Coculo, Francesco Punzi, Piero Peri e Riccardo Mastella Piero Peri. Poi è la volta del direttore generale pometino: “Ringrazio Francesco Punzi perché ha accettato di portare avanti un lavoro iniziato due stagioni fa e il ds Angelo Cristofoletti che si è unito a noi. Sono tre anni che, con l’apporto della dirigenza, cerco di unire le forze del territorio. Si erano chiusi degli accordi, che poi non sono andati avanti, tra cui quello con Di Mario. Ci siamo rimboccati le maniche lo stesso e, nonostante le difficoltà, andiamo avanti. La speranza è di costruire una squadra con tanti ragazzi del posto e speriamo di riportare la gente al Comunale a sostenerci: abbiamo bisogno dell’aiuto dei nostri tifosi”.

Francesco Punzi. Anche il nuovo allenatore, tornato dopo l’esperienza a Rieti, non si nasconde: “Abbiamo l’obbligo morale di fare bene, di non disputare un campionato anonimo. Vogliamo costruire una rosa competitiva, nonostante le difficoltà economiche. I ragazzi che stiamo contattando o che vorremmo convincere a rimanere non devono avere tentennamenti, altrimenti preferiamo che prendano altre strade. Voglio vedere lo stesso spirito di due stagioni fa, quando abbiamo affrontato trentaquattro gare come trentaquattro finali”. 

Angelo Cristofoletti. Il neo ds, rispondendo alle domande dei giornalisti, fa il punto sul mercato: “Abbiamo confermato Bacchiocchi e Peri e preso Flore, Ciccarelli, Pascucci e Lo Pinto. Lavoriamo sulle conferme degli altri ragazzi: l’unico che andrà via di certo è Cristiano Roversi, che dovrebbe passare all’Aprilia in Serie D”.