Notizie
Categorie: Giovanili - Allievi

Il Palestrina passeggia al Fuso, la doppietta di Rocco stende l'Almas

Giornata no per i padroni di casa che non sono mai entrati nel vivo del match



ALMAS - PALESTRINA 0 - 2 
MARCATORI 27’pt e 5’st Rocco (P)
ALMAS Cartocci 5 (10’st Falciglia 6), Bacchi 5.5, Lulli 5.5, Annunziata 5.5, Baia 5.5, Fresa 5, Cortellesi 6, Raschilla 5.5, Ingannamorte 5.5, Gabrielli 5.5, Cornetta 5.5 PANCHINA Lanciano, Salsone, Partigianoni, Sami, Trifella, Raffa ALLENATORE Giumento
PALESTRINA Coculo 6, Pepe 6.5, Della Rocca 6.5, Felici 6 (14’st Cardellini 6.5), Di Mambro 6, Cuppone 6, Sforza 6.5 (17’st Blaiotta 6), Eufemia 7 (35’st Marsella sv), Fiori 6.5 (12’st Colonna 6), Rocco 7.5, Denni 6.5 (18’st Squarcia 6) PANCHINA Cangemi, Urbani ALLENATORE Dari
ARBITRO Torreti di Ostia Lido 6
NOTE Espulso al 27’st Fresa (A) per rosso diretto Ammoniti Pepe, Bacchi, Fresa Angoli 3 - 5 Rec. 1’pt - 3’st

Vittoria esterna per il Palestrina che espugna il Fuso di Ciampino, imponendosi per 0 - 2 sull’Almas di Giumento. Buona prova della formazione di mister Dari che ha dominato la gara per gran parte dell’incontro, sfruttando al meglio una giornata non proprio positiva per i padroni di casa.

PRIMO TEMPO Gli ospiti partono a mille e dopo 4’ sfiorano il vantaggio con una conclusione dal limite di Denni che sfiora la traversa e termina sul fondo. Ancora Palestrina pericolosa al 15’ con Rocco che raccoglie palla all’interno dell’area e con un diagonale di sinistro cerca il palo lungo, palla fuori di poco. L’Almas nei primi minuti non c’è e al 21’ rischia addirittura l’autogol. Sugli sviluppi di una punizione di Rocco arriva Baia che di testa rischia di infilare la propria porta, ma la palla tocca la traversa e finisce in corner. Passano pochi minuti e gli ospiti trovano il meritato vantaggio. Rocco porta palla centralmente fino al limite dell’area e scarica un sinistro chirurgico che non lascia scampo a Cartocci. Nel primo tempo c’è solo il Palestrina in campo e al 37’ i ragazzi di Dari sfiorano il raddoppio. Al termine di un’azione insistita sulla sinistra, la sfera termina sui piedi di Fiori che da due passi spara clamorosamente alle stelle. Nel finale di tempo non succede più nulla e dopo un minuto di recupero il signor Torreti di Ostia Lido manda le due squadre al riposo sul risultato di 0 - 1. 

SECONDO TEMPO Nella ripresa la musica non cambia e al 5’ il Palestrina trova il raddoppio con un’altra magia di Rocco. Il numero 10 calcia in porta una punizione da posizione molto defilata, la traiettoria è perfetta e la sfera si insacca in rete a fil di palo. Non perfetto nella circostanza il portiere di casa che, nonostante la parabola disegnata da Rocco fosse molto precisa, avrebbe potuto fare sicuramente qualcosa in più, considerando quanto era defilato il punto di battuta della punizione. Poco dopo arriva la prima occasione per l’Almas: percussione centrale di Fresa che, appena entrato in area, calcia in porta ma Coculo respinge. L’azione sveglia l’Almas che al 13’ va nuovamente ad un passo dal gol con una staffilata dalla distanza di Annunziata che si stampa sulla traversa. Al 27’ la partita si complica ulteriormente per i padroni di casa che restano in dieci per l’espulsione rimediata da Fresa. Alla mezz’ora il Palestrina sfiora il tris con un bel destro dal limite di Cardellini che però termina alto di pochissimo. Al 36’ grandissima occasione per l’Almas con Cortellesi che però, a tu per tu con Coculo, non riesce ad angolare la conclusione favorendo l’intervento del portiere ospite. Nel recupero gli ospiti si divorano per l’ennesima volta il possibile terzo gol: Marsella serve la sfera a Squarcia che calcia a botta sicura, ma la difesa di casa recupera clamorosamente salvando sulla linea di porta. É l’ultimo brivido della gara che l’arbitro chiude al termine di tre minuti di recupero. Vittoria meritata per il Palestrina di mister Dari che si impone sul campo di un Almas mai pienamente nel vivo del match.

Periodo complicato perciò in casa Almas dove, nel post gara, si registreranno anche degli attimi di nervosismo con uno scambio di idee a dir poco "acceso" tra il mister Giumento e il genitore di uno dei suoi giocatori.