Notizie
Categorie: Giovanili - Juniores

Il Pomezia si riscatta, la Fortitudo non entra mai in partita

I rossoblu portano a casa meritatamente i tre punti. L'undici di Toto è sembrato lontano parente della formazione ammirata all'esordio contro l'Albalonga. Doppio Dantimi, prodezza di Barbarisi



POMEZIA – FORTITUDO ROMA          3-1

MARCATORI Dantimi 6' pt, 29' pt (P), Barbarisi 44' pt (P), Berbeglia 23' st (P) 

POMEZIA Vitali 6, Cipolletta 6, Martinelli 6, Sales 6.5, Amoriello 6, Prasti 5, Dantimi 7 (3' st Violetto 6), Mongale 7, Gagliardi 6.5, Barbarisi 7 (43' st Croci sv), Ferrara 7 (22' st Pratelli 6) PANCHINA Santilli, Iosca, Cossu, Vallesi ALLENATORE Ciani 

FORTITUDO ROMA Fara 6.5, Ramunno 5.5 (18' st Petruccetti), Camponeschi 5, Conti, 6 Colapietro 5.5, D'Agostino 5, Grifoni Lo. 5.5 (9' st Mazzetti 6.5), Modestini 6 (14' st Pantani 6.5), Berbeglia 6.5, Coppotelli 5.5 (9' st Labatessa 6), Grifoni Le. 5.5 (27' st Felemon sv) PANCHINA Trunfio, Bocelli, Della Pormella ALLENATORE Toto 

NOTE Ammoniti Dantini, Colapietro, Conti, Sales, Violetto, Labatessa Angoli 9-3 Fuorigioco 4-2 Rec. 1' pt, 4' st

L'esultanza pometina dopo la prima rete di Dantimi © Gazzetta RegionaleIl Pomezia vince al suo esordio casalingo in via Varrone e porta a casa il primo successo stagionale. Contro la Fortitudo i rossoblu hanno vita facile, trovandosi di fronte una Fortitudo lontanissima parente di quella ammirata una settimana fa contro l'Albalonga. Troppo molle la formazione di Toto, incapace di reagire dopo il gol subito in apertura e praticamente mai in partita. I padroni di casa, invece, riscattano il ko subìto in casa dell'Almas, mostrando un buon impianto di gioco e un potenziale offensivo che potrebbe regalare più di qualche soddisfazione.

Gol in apertura, dicevamo, perché alla prima occasione utile il Pomezia sblocca il risultato. Bella azione manovrata che porta alla conclusione da fuori Dantimi, gran destro sul quale Fara non può nulla. La gara si gioca su ritmi poco sostenuti complice anche la temperatura estiva, ma le emozioni non mancano. Al 12' la risposta fortitudina. Lancio dalle retrovie di Colapietro per Berbeglia, la punta brucia in velocità i due centrali ma il diagonale è troppo debole per impensierire Vitali che blocca in due tempi. Passano solo tre minuti ed è il Pomezia a sfiorare il raddoppio. Schema su corner che porta al traversone Martinelli e il suo tiro cross per poco non beffa Fara, che tocca il pallone quel tanto che basta per spedirlo contro la traversa. I padroni di casa cercano di fare la partita, pungendo soprattutto sull'out di destra con la coppia Barbarisi – Ferrara, che creano non pochi grattacapi al reparto arretrato di Toto ed proprio su questa fascia che il Pomezia costruisce il raddoppio. Grande movimento di Gagliardi che viene servito in profondità da Ferrara, cross per l'accorrente Dantimi che a porta praticamente sguarnita non ha difficoltà a ribadire in rete per il 2-0. La Fortitudo subisce il colpo e il Pomezia rischia di dilagare. Fara è bravissimo ad evitare il peggio prima su Gagliardi, con il pallone che sulla deviazione del portiere scheggia il palo, e su Ferrara, ma nulla può al 44'. Mongale riconquista palla sulla tre quarti avversaria e serve Barbarisi, il numero dieci trova lo spazio per accentrarsi in area e con un preciso destro firma il tris ad un minuto dall'intervallo.

La ripresa si apre con una grandissima occasione per la Fortitudo, che tenta di riaprire subito il match. Bella intuizione di Grifoni per Berbeglia, ma Vitali compie un grande intervento salvando porta e risultato. Il pericolo corso scuote il Pomezia, che torna immediatamente in possesso delle operazioni e sfiora il poker con un bel destro al volo del neoentrato Violetto, fermato in corner da Fara. E' sempre il numero uno ospite ad ergersi come ultimo baluardo degli ospiti, salvando intorno al quarto d'ora prima su Ferrara, poi sul successivo tap in di Gagliardi, con un doppio intervento favoloso. Pochi istanti dopo è invece Violetto a graziare gli ospiti, non riuscendo a trovare l'attimo giusto per concludere a tu per tu con l'estremo difensore avversario. Il match sembra scivolare via senza problemi per i rossoblu, ma a ravvivarlo ci pensa Prasti, che al 23' commette una grande ingenuità perdendo palla da ultimo uomo sul pressing di Mazzetti. L'esterno viene fermato da Vitali, ma sulla respinta il più lesto ad arrivare sulla sfera è Berbeglia, che accorcia le distanze senza difficoltà. Il gol, però, non cambia le carte in tavola. Il Pomezia controlla agevolmente l'andamento del match senza correre rischi e tenendo saldamente in mano il possesso palla. Così facendo la Fortitudo raramente riesce a sfondare negli ultimi venti metri e l'infortunio di Mazzetti dopo le cinque sostituzioni previste, lascia Toto anche con l'uomo in meno. Il match di fatto finisce qui, con il Pomezia che cerca il poker nel finale, sfiorandolo con Croci. La sostaza, comunque, non cambia. Il Pomezia riparte, la Fortitudo dovrà riflettere molto sul modo in cui è arrivata questa sconfitta