Notizie
Categorie: Giovanili - Juniores

Il Pomezia si sveglia tardi, Colasanti e Ladogana fanno sorridere l'Almas

Parte con il piede giusto l'avventura di D'Angeli con i biancoverdi. A Giurelli e i suoi non basta un gol di Prasti nel finale



ALMAS – POMEZIA 2-1
MARCATORI 13'st Colasanti (A), 34'st Ladogana (A), 42'st Prasti (P)
ALMAS Ballanti, Fayella (26'st Tano), Cosimetti, Manni, Patitucci, Agnoletto, Colasanti, Cichello (4'st Gaffi), Ladogana, Bendia (40'st Gambrioli), Speranzini (37'st Pirro) PANCHINA Brunetti, Apuzzo, Ferretti ALLENATORE D'Angeli
POMEZIA Vitali, Cipoletta, Martinelli, Sales, Amoriello, Prasti, Mongale (29'st Grieco 32'st Croci), Pacchiarotti (4'st Ljuljanovic), Gagliardi, Barbarisi, Ferrara PANCHINA Santilli, Vallesi, Cossu, Pratelli ALLENATORE Giurelli
ARBITRO Troini di Latina
NOTE Ammoniti Patitucci, Colasanti, Prasti, Gagliardi, Croci. Allontanato al 6'st Giurelli per proteste. Ang. 4-11 Rec. 1'pt – 5'st

Ottimo esordio per l'Almas del tecnico Daniele D'Angeli che, nonostante sia approdato alla guida dei biancoverdi da più o meno una settimana, è riuscito a partire con il piede giusto. Padroni di casa non ancora in possesso degli automatismi necessari per esprimere un calcio fluido e lineare ma sicuramente in grado di mettere in difficoltà una formazione da tenere d'occhio come sarà il Pomezia. L'undici di Giurelli, nonostante la sconfitta, ha dimostrato di avere un ottimo impianto di gioco anche se ha dimostrato di non possedere ancora l'incisività necessaria per far davvero male agli avversari.

Colasanti, suo il gol che apre le danze per l'AlmasFuoco di paglia. L'avvio di gara mostra un Pomezia decisamente padrone del campo. In poco meno di un quarto d'ora saranno infatti addirittura tre le occasioni per gli ospiti, con Ferrara che al tredicesimo entrerà addirittura una traversa su un tiro cross dalla sinistra, ma i ragazzi di Giurelli non avranno la precisione necessaria per sbloccare il risultato. L'Almas, dal canto suo, cresce poco a poco. Dopo un inizio decisamente stentato la compagine biancoverde esce infatti alla distanza tanto da sfiorare il vantaggio prima con una doppia conclusione di Colasanti, prima respinta e poi stampata sulla traversa, e poi con un bolide dal limite di Bendia che sfiorerà di un niente l'incrocio dei pali.

Il Pomezia perdona, l'Almas no. La differenza probabilmente sta tutta qui. L'undici ospite crea tanto ma, a conti fatti, raccoglie poco. Dal canto suo l'Almas tiene botta, a volte anche con un pizzico di fortuna come nell'occasione del palo di Gagliardi in apertura di ripresa, ma soprattutto riesce a capitalizzare quanto di buono fatto vedere. Al tredicesimo saranno così i biancoverdi a passare in vantaggio. Bendia dal limite inventa un filtrante da applausi per Speranzini che, dal versante destro, centra un rasoterra sul secondo palo che Colasanti deve solo spingere in porta. L'improvviso svantaggio costringe il Pomezia a rischiare qualcosa con l'Almas bravo ad approfittarne con delle velenose ripartenze. Ad una decina di minuti dal termine saranno così ancora i padroni di casa a colpire. Bendia centra un bel pallone dalla destra che Gaffi, con un velo, lascia intelligentemente scorrere per l'inserimento del puntualissimo Ladogana che non lascia scampo a Vitali siglando il 2-0. Sotto di due reti il Pomezia prova a reagire e ad una manciata di minuti dal triplice fischio accorcerà anche le distanze con Prasti che è bravo a sfruttare una palla vagante in area biancoverde sugli sviluppi di una punizione di Barbarisi. L'assalto finale di Giurelli e i suoi però serve a poco, alla fine sarà l'Almas a portare a casa il risultato.