Notizie
Categorie: Calcio a 5 - C/5 Nazionali

Il Prato Rinaldo in trasferta a Civitanova

Il dg Di Stefano: "La squadra sta bene e c'è entusiasmo dopo la vittoria contro l'Ardenza Ciampino"



Daniele Di Stefano (Foto © Segneri)Con ancora negli occhi la convincente vittoria sull'Ardenza Ciampino, il Prato Rinaldo si appresta ad andare a Civitanova per giocare la seconda giornata del girone di ritorno. I gialloblu si sono rilanciati in classifica dopo lo stop pre-natalizio con la Maran Nursia. Anche perché la classifica, alle spalle dell'Olimpus capolista, è davvero corta, con cinque squadre in quattro punti. Sì, perché se gli uomini di Baldelli sono quinti a pari merito del Porto San Giorgio, è anche vero che la seconda piazza è distante solamente quattro lunghezze. Gli scontri diretti di questa fase di stagione, poi, possono favorire i capitolini, impegnati sabato contro la penultima forza del girone. Sarà di vitale importanza prendersi i tre punti, provando a guadagnare terreno sulle dirette rivali.


Di Stefano. Causa squalifica Baldelli non avrà a disposizione Fabrizio Reali, mentre ancora ai box “Ciccio” De Filippis, con Schirone e Massimo che nelle ultime uscite hanno recitato un ruolo importante fra i pali. “La squadra sta bene – racconta il DG Daniele Di Stefano -, sono tutti entusiasti dopo la vittoria con Ciampino. Abbiamo riscattato il ko dell'andata, quando giocammo con mezza squadra fuori, con un tecnico che non era forse adatto a questa squadra e a questa società. Da un male, quella sconfitta si è trasformata in un bene, perché lì è ricominciata la nostra stagione. Stiamo bene, andiamo a Civitanova per giocarci la partita e continuare la rincorsa ai playoff. So che la loro è una tensostruttura piccola, un campo scomodo per gli avversari, sarà una gara difficile come tutte, basta vedere quanto ha faticato l'Olimpus a Perugia: ogni gara in questo campionato può essere importante”. Chiusura con i ringraziamenti: “Voglio ringraziare la squadra per come sta lavorando, per la dedizione e lo spirito di sacrificio che ci stanno mettendo. Ringrazio tutti i dirigenti, dal primo all'ultimo, come lo staff tecnico che si è dimostrato di prima fascia e prima categoria. Il merito di quanto stiamo facendo è anche loro, perché siamo uniti e tutti remano dalla stessa parte”.