Notizie
Categorie: Giovanili - Juniores

Il Pro Roma vince all'inglese: Spes, ora serve un miracolo

Menicacci e Bortoloni fissano il finale del Vittiglio in favore dei giallorossi di Feroce. Ai gialloneri potrebbe non bastare vincere all'ultima giornata per centrare i play out



29a Giornata
2 - 0

MARCATORI 34’st rig. Menicacci, 41’st Bortoloni 

PRO ROMA Boncompagni 6, Arnone 6, Bertinelli 6, Cesaretti 6 (25’st Guacci 6), Mattaroccia 6.5, Tellone 6 (36’st Allay 6), Fulghieri 6 (1’st Bortoloni 7.5), Pagnani 5.5 (1’st Calandrelli 7), Potocco 6.5, Menicacci 6.5, De Propis 6 (10’st Tancredi 6) PANCHINA Cittadini ALLENATORE Feroce 

SPES MONTESACRO Saccone 5, Loche 6, Teofilatto 5.5 (42’pt Loddi 6), Mestriner 6, Paolini 6.5, Biraschi 6, Uzun 6.5 (33’st Diamanti 6), Ottaviani 6 (20’st Coppa 6), Capoccia 5.5 (35’st Badii 6), Di Clemente 6, Brussani 6 (38’st Mulas 6) PANCHINA Seri, Cirulli ALLENATORE Spagnoli 

ARBITRO Campilani di Tivoli, 7.5 

NOTE Espulsi Saccone Ammoniti Loche, Cesaretti, Mattaroccia Angoli 5 - 1 Rec 0’pt, 2’st 


Feroce, Pro RomaEra un partita da dentro o fuori quella fra Pro Roma e Spes Montesacro. Un dentro o fuori che per i giallo neri aveva i colori di una retrocessione diretta necessariamente da evitare in giornata, perché nell’ultima di campionato l’undici di Spagnoli ospiterà in casa la capolista Tor Tre Teste, che per qualità e doti tecniche, resta di certo l’avversario meno facile da trovarsi di fronte nel cammino salvezza. E l’impegno dello Spes Montesacro si è visto soprattutto nella prima frazione di gioco dove Uzun – fra i migliori dei suoi – ha dato profondità alla sua squadra, fornendo assist e gioco e dove l’undici ospite sarebbe potuto passare in vantaggio con la conclusione ravvicinata – terminata poi alta – di Capoccia. Ma le partite si giocano in due e sul fronte opposto il Pro Roma ha rispettato in pieno il campionato fornendo una prestazione di livello con il duo Bortoloni - Calandrelli che nella ripresa ha dettato ritmi e tempi, arrivando prima al rigore realizzato da Menicacci e poi, dalla combinazione dei due, alla rete del 2 a 0 di Bortoloni. Dopo i primi 20 minuti in cui il valore della partita supera i valori visti in campo, la gara si ravviva al 22’ quando lo Spes potrebbe passare in vantaggio: il calcio di punizione di Di Clemente trova Capoccia che libero in area si coordina andando alla conclusione di tacco che termina però alta sulla traversa. La disattenzione della difesa del Pro Roma porta alla nuova conclusione degli ospiti che al 25’ vanno al tiro con Di Clemente che dal limite calcia sul fondo. Ancora il capitano giallo nero prova a sbloccare il parziale al 30’ con un tiro dai 30 metri direttamente da calcio di punizione che però si chiude di poco al lato della porta difesa da Boncompagni. Sul fronte opposto, l’unico tentativo a rete del Pro Roma arriva al 31’ con la botta dal limite di Menicacci che calcia bene, ma spedisce in out. Nella ripresa il tema della partita cambia e l’undici di Mr Feroce aggredisce la gara sin dai primi minuti, accompagnando azioni pericolose ad un buon calcio. La prima palla goal per i giallorossi arriva al 9’ con l’azione solitaria di Calandrelli che recuperata palla, va alla conclusione a rete che trova il salvataggio sulla linea di porta di Paolini. Al 21’ scambio ravvicinato fra Calandrelli e Bortoloni che porta al tiro il numero 16, ma la punta di casa apre troppo il compasso spedendo sul fondo. Lo Spes accusa la pressione del Pro Roma e si affida ad azioni di ripartenza che però si dimostrano poco efficaci e così a passare è l’undici di casa: Potocco lancia Calandrelli che si porta a tu per tu con Saccone, costretto al fallo da ultimo uomo con il conseguente rosso diretto e calcio di  rigore. Dagli undici metri si presenta Menicacci che non sbaglia per l’1 a 0. Sotto di una rete lo Spes si spegne e così al 41’ il Pro Roma raddoppia con il goal di Bortoloni che servito da Calandrelli fissa il risultato sul 2 a 0 che manda le squadre negli spogliatoi e rimanda le speranze Spes all’ultima giornata.