Notizie
Categorie: Dilettanti - Eccellenza

Il racconto di Rieti - Sammaurese: gli amarantocelesti pareggiano in dieci e sbagliano un rigore con Gay

Bella prestazione dell'undici di Punzi, che raccoglie meno di quanto seminato: servirà un grande risultato in trasferta



Image titleMARCATORI Bonandi 26’ pt (S), Morini36’ pt (R)

RIETI Tassi, Morini, Gigliucci, Ingiosi, D’Andrea, Gay, Ruggiero (43’ st Cardia), Sabatino, Cardillo, Garat, Pezzotti (29’ st Castellano) PANCHINA D’Urso, Menichetti, Salvi, Cardia, Beccarini, Rodriguez, Castellano ALLENATORE Punzi

SAMMAURESE Andreani, Buda, Gaveglia (15’ st Battistini), Mastronicola, Bezzi, Babbini (38’ pt F. Vitaioli), Scarponi, Domeniconi, M. Vitaioli (21’ st Rossi), Bonandi, Gjorduni PANCHINA Barbanti, Mantovani, Golinucci, Prodan ALLENATORE Protti

ARBITRO Giordano di Novara

ASSISTENTI Spiniello di Avellino e Lombardi di Castellammare di Stabia

NOTE Espulso al 33’ pt Garat (R) perdoppia ammonizione Ammoniti Garat, Sabatino, Gaveglia, M. Vitaioli Rigore fallito al 32’ st da Gay (R) Rec. 4’pt, 4’ st

 

Resta con l’amaro in bocca il Rieti di Francesco Punzi che, nonostante una prova di grande cuore contro una Sammaurese apparsa quest’oggi decisamente modesta, non è riuscito a portare a casa una vittoria. Sotto una pioggia battente e su un campo ai limiti della praticabilità gli amarantocelesti, dopo lo svantaggio subìto nell’unico vero affondo degli avversari (complice una retroguardia tutt’altro che perfetta nella circostanza), e rimasti in dieci per lo sciocco secondo giallo rimediato da Garat, riescono a pareggiare e dominano nella ripresa, sbagliando anche un calcio di rigore con Gay. Tra sette giorni, in trasferta, il club di Punzi dovrà necessariamente segnare almeno un gol per sperare di andare avanti e continuare a sognare la Serie D.

 

Primo tempo. Il primo pericolo del match lo creano i padroni di casa: al 12’ gran palla di Ruggiero in area per Garat, l’argentino cade sull’uscita del portiere ma il direttore di gara lo ammonisce giustamente per simulazione. Al primo affondo, al 26’, arriva il vantaggio della Sammaurese: un tiro di Matteo Vitaioli deviato da un difensore di casa diventa un assist per Scarponi che conclude a botta sicura, ma Tassi compie un miracolo, il pallone resta lì e il più lesto a metterlo in rete è Bonandi, con la difesa amarantoceleste ferma. La partita si mette ancor più in salita per la formazione di Punzi al 33’ con Garat, già ammonito, che interviene con il piede a martello su Babbini che era entrato in scivolata sulla sfera. Il signor Giordano di Novara estrae il secondo giallo e lascia il Rieti in dieci uomini. Nonostante l’inferiorità numerica, la formazione di Punzi spinge. Ci prova al 35’ Cardillo da fuori, conclusione deviata che termina in corner. Sull’angolo seguente battuto da Gay gli amarantocelestipareggiano con il colpo di testa sul secondo palo di Morini, con il portiere Andreani che nell’occasione si fa trovare fuori posizione. In chiusura di tempo Cardillo si fa notare per una bella azione personale, con la punta che salta il diretto marcatore e prova il tiro dal limite dell’area, centrale e facile preda di Andreani.

 

Secondo tempo. Nella ripresa è un monologo del Rieti, già al 1’ arriva una grande occasione per passare in vantaggio: Sabatino serve Cardillo, bella sponda di testa per l’accorrente Ruggiero che entra in area e conclude, ma non trova la porta. Al 3’ l’arbitro sospende la partita per la pioggia intensa: il direttore di gara rientra dopo qualche minuto con i due capitani, Pezzotti vorrebbe il rinvio del match (la gara si rigiocherebbe da capo, undici contro undici, ndr), ma l’arbitro decide di riprendere. Al 6’ punizione da posizione interessante per la formazione di Punzi, la conclusione a giro di Gay si spegne di poco a lato alla destra di Andreani. Grave errore di Fabio Vitaioli al 13’ che, complice una pozza, si fa soffiare il pallone da Ruggiero ma l’attaccante, a porta sguarnita conclude, con la sfera che si ferma per l’acqua a pochi passi dalla linea e un difensore che può mettere in angolo. Si vede la Sammaurese al 17’ con un cross dalla sinistra di Buda per la testa di Gjorduni, ma Tassi è attento e blocca a terra. Al 32’ il direttore di gara concede un sacrosanto calcio di rigore al Rieti, procurato dal neo entrato Castellano, che salta un avversario e in area viene steso da Battistini. Dal dischetto va Gay, ma Andreani intuisce e respinge, con la sfera che termina in angolo. Cinque minuti dopo altro gran numero sulla fascia di Castellano, che arriva sul fondo e mette dentro, ma non trova nessun compagno pronto alla deviazione vincente. Si vedono gli ospiti al 40’ con una grande azione personale di Bonandi, che salta un paio di difensori e si accentra, ma il suo tiro dal limite è facile preda di Tassi. Il direttore di gara, dopo 4’ di recupero, decreta la fine delle ostilità. Un risultato che sta sicuramente stretto al Rieti, con la Sammaurese che è riuscita ad ottenere il massimo con il minimo sforzo: di certo, da una formazione in superiorità numerica per più di un tempo, era lecito aspettarsi qualcosa di più. Se gli amarantocelesti riusciranno a ripetere questa prova in Emilia Romagna, hanno buone chance di passare il turno.