Notizie
Categorie: Calcio a 5 - C/5 Femminile

Il Real Balduina cade in casa e saluta la coppa

La formazione bianconera viene sconfitta dallo Sporting Club Coppa d'Oro e non riesce a strappare la qualificazione



REAL BALDUINA - S.C. COPPA D'ORO 2 - 3

MARCATORI 5° Orsi, 13° Pea, 6° st. Scerra, 8° st. Di Segni, 20° st. Stuppino

REAL BALDUINA Picchio, Orsi, De Lillis, Pea, Cerri, Quintini, Laruffa, Cerracchio, Morelli, Di Nello, Giannone, Chimera ALLENATORE Piattoli

S.C. COPPA D'ORO Torrioni, Cecchini, Starnoni, Pro, De Fabiis, Scerra, Giuliani, Cinti, Di Segni, Longo, D’Amico, Stuppino ALLENATORE Ceccarini 


Mister PiattoliCi sono momenti, attimi, che sono perfetti. Ce ne sono altri, invece, che non vanno e non sono come dovrebbero. E così è anche nel calcio. Quando ti giochi qualcosa e sei in vantaggio. Ma quando, poi, butti tutto in un attimo, così. Passando dall’essere più forte al più debole in pochi istanti, frazioni.

Il Real Balduina ci ha provato, eccome, giocando un primo tempo pressoché perfetto tanto da riuscire a spaventare non poco la vecchia guardia del Coppa d’Oro. Due a zero alla fine del primo tempo grazie alle reti di Orsi e Pea, a tratti imprendibili. Due pali colti dal Coppa d’Oro e due parate dell’estremo difensore del Real, ma quel che è certo è che il Balduina poteva farne anche altri due/tre. E non sarebbe stato peccato chiuderla sul 4-0.

Pronti, partenza, via… il blackout che non ti aspetti. Tre, quattro, forse cinque minuti e il Coppa d’Oro pareggiava i conti con Scerra e Di Segni, due che di calcio a 5 ne hanno masticato e anche tanto. Sarà stata l’esperienza a fare la differenza o, più semplicemente, la paura di vincerla. La beffa finale del 3-2 firmata Stuppino lo dimostra.

Il Coppa d’Oro passa il turno, il Real rimane fermo ai box salutando la coppa al primo turno. Questa è la storia. I quarti di finale erano vicini e sarebbe stata una grande prova di maturità, di forza, di unione. Ma va bene così. Tutto ha un tempo. Ora è il momento di fare propria la sconfitta, di capirla e superarla. E di ripartire da un primo tempo fantastico che sa di vero futsal.