Notizie
Categorie: Calcio a 5 - C/5 Regionali

Il Real Fondi si prende il posticipo con la United Latina

I sudpontini si impongono per 3-1 nella prima giornata di campionato



Ingresso in campoFinisce 3 a 1 per il Real Fondi il posticipo della prima giornata di campionato di serie D di calcio a cinque.La squadra del tecnico Notarsanti non riesce a portare a casa punti in casa di un Real Fondi schierato incampo molto chiuso e accorto, pronto a ripartire ad ogni errore della squadra ospite. L’inizio della partita vede un sostanziale equilibrio tra le squadre fino al vantaggio del Real Fondi. Da quelmomento in poi è un monologo dello United che gira palla, attacca, ma non riesce a sfondare il fortino dellasquadra di casa. Prima della fine del primo tempo lo United ha la possibilità di pareggiare con un rigore perfallo su Arduin da parte del portiere del Fondi, ma Venturiello sbaglia dal dischetto.Il secondo tempo ricomincia sulla falsa riga del primo, e cioè con la squadra di casa molto chiusa e pronta a fare male in ripartenza. E proprio in ripartenza il Fondi fa male allo United Latina, assestando due colpi che tagliano le gambe agli ospiti. Vano il gol della bandiera di Ferreri, appostato sul secondo palo, su assist di Cesaro. Nonostante le tanteconclusioni, le parate del portiere e i legni colpiti (se ne conteranno 5 a fine partita), la squadra di Notarsantinon riesce a fare male al Fondi che si aggiudica l’intera posta in palio.Raggiunto al telefono il Tecnico dello United Latina Futsal ha così commentato l’amara sconfitta:-Coach Notarsanti, cosa non ha funzionato oggi a Fondi?“Partita strana, abbiamo perso facendo gran possesso palla e tirando tanto in porta. Due pali e 2 traverse, rigore sbagliato, parate importanti del portiere di casa e gol sbagliati, tanto rammarico, ma dobbiamo credere di più nelle nostre capacità. Dobbiamo avere maggiore attenzione e determinazione, cattiveria agonistica e corsa”. -Ha visto qualcosa di positivo oggi in campo o è una partita da dimenticare?“Purtroppo in queste categorie tante squadre pensano solo a chiudersi dietro per ripartire veloci, rinunciandocompletamente a giocare, solo lanci lunghi! Questo ci penalizza, dobbiamo cambiare modo di approcciare allepartite altrimenti si fa difficile. Possiamo salvare solo il possesso palla, il numero enorme di tiri in porta e aver rischiato praticamente niente adifesa schierata, ma questo purtroppo non è bastato”.