Notizie
Categorie: Giovanili

Il Rieti si prepara in vista della prossima stagione. Unico volto nuovo tra i tecnici sarà quello di Claudio Gerini

Simone Onesti, responsabile del settore giovanile amarantoceleste: "Il confronto con Roma è duro ma stiamo crescendo"



Mancano ancora un paio di mesi all'inizio dei campionati ma il Rieti pare aver già ben chiara in mente la strada da seguire. La società amarantoceleste, per quanto riguarda il settoregiovanile, ha infatti chiarito i propri quadri tecnici preparandosi così ad affrontare nel migliore dei modi l'annata che verrà. 

Simone Onesti, responsabile del settore giovanile del Rieti
Onore al merito.
Tra le fila degli allenatori la società ha voluto premiare l'ottimo lavoro svolto dai tecnici nell'anno passato. Scorrendo l'organigrama ci si rende infatti conto che sono tante le riconferme. Ecco perciò che i '98 andranno in mano ad Andrea Rogai, i '99 a Giuseppe Marella e i 2000 a Antonio Pezzotti, tutti e tre confermati.


Novità.
Unica new entry sarà perciò Claudio Gerini, tecnico ex Sabinia, che siederà sulla panchina dei 2001. Simone Onesti, responsabile del settore giovanile, ci spiega la sua scelta: "E' un tecnico che conoscevo e che è apprezzato perciò quando ho saputo che avrebbe accettato sono stato molto felice. I 2001 sono al primo anno di calcio vero - ci dice poi Onesti - e per questo avevamo bisogno di un allenatore competente capace di trasmettere i giusti valori ai ragazzi".


Rinforzi.
Premesso che qualcosa sembra si stia ancora muovendo sul mercato amarantoceleste, il Rieti ha comunque dato una bella rinfrescata alle arie squadre. I 2000 e i 98 sono stati i gruppi maggiormente arricchiti. Mister Rogai da quest'anno potrà infatti contare anche su Testa e Coiro presi dalla Sabinia, oltre che su Mancini prelevato dallo Sporting Rieti. Stessa squadra di provenienza anche per il '99 Di Domenico che andrà alla corte di Marella. Innesti importanti anche per i 2000 dove si uniranno al gruppo Cerini e Comodi, dalla Sabinia, D'Angeli dal Velinia e Saccenti dal Poggio Moiano.


Crescere.
Questa sembra essere il nuovo imperat dato da Onesti che infatti ci tiene a precisare: "Il confronto con una realtà grande come Roma non è mai semplice ma stiamo facendo il massimo per non sfigurare assolutamente. Quest'anno il primo obiettivo sarà quello di mantenere tutte le categorie acquisite e poi vedremo. Stiamo crescendo tant'è che - conclude poi il responsabile - che da quest'anno ogni gruppo potrà contare anche su un porprio allenatore in seconda, un proprio preparatore dei portieri e un fisioterapista completamente dedicato".