Notizie

Il Rieti si riscatta, i 2002 della Roma stavolta non compiono l'impresa

Gli amarantocelesti si lasciano alle spalle l'esordio amaro contro la Tor Tre Teste e sconfiggono la formazione di Nuccorini, che stavolta non riesce a limitare il divario fisico



ROMA - RIETI        2-4

MARCATORI Onesti 12’pt rig. (RT), Fortini 36’pt (RM), Luzzi 6’st e 9’st (RT), Priolo 20’st (RT), Cancellieri 30’st (RM) 

ROMA Rossi (1’st Isidori), Tomassini (5’st Buttaro), Zona (20’pt Fortini), Macrì (10’st Coccia), Isaia, Bove (10’st Silvestri), Cancellieri, Calcagni (1’st Giordano), Carnevale, Cesaroni (15’st Pattelli), Zalewski ALLENATORE Nuccorini 

RIETI D’Olimpio (1’st Conti), Cherubini, Civic, Priolo (30’st Bartolomei), Graziani (25’st D’Ippolito), Ciogli, Pileri, Melilli (20’st Isaidori), Luzzi, Ortenzi, Onesti (22’st Mostarda) PANCHINA Gallo, De Bona ALLENATORE Gerini 

ARBITRO Bianchi di Roma 1, 6 

NOTE Ammoniti Calcagni, Luzzi. Angoli 3-3. Rec. 4’st.

Roma, sconfitta contro il Rieti © photosportoma.itPartita pirotecnica tra Rieti e Roma, per il secondo turno del Memorial Paolo Testa. Si impongono i reatini con un sonoro 2-4, riscattando alla grande il brutto esordio ai danni di una Roma, va ricordato composta da tutti giocatori classe 2002, che così cade dopo la netta vittoria del primo turno contro il Frosinone. Partenza sprint del Rieti che, dopo il tentativo di testa di Priolo, passa in vantaggio poco dopo il 10’ con il preciso calcio di rigore che Onesti si procura e trasforma spiazzando Rossi. La Roma non ci sta e reagisce immediatamente, creando diverse palle-gol nella parte centrale della frazione: ci provano Carnevale, poi Cancellieri e Cesaroni su punizione, ma il parziale non cambia. Dopo la mezz’ora si rivede in attacco la compagine di Gerini, insidiosa con le battute di Luzzi e Priolo, ma nel recupero arriva il pareggio dei giallorossi, al termina di una bella azione corale in contropiede, finalizzata dal subentrato Fortini con un mancino a palombella che non lascia scampo a D’Olimpio.

Nella ripresa, come d’altronde nel primo tempo, l’avvio del Rieti è devastante: entro il 10’ arriva il doppio terribile acuto di Luzzi che marca due gol fotocopia, sfruttando per due volte lo svarione della difesa della Roma sulle verticalizzazioni e beffando in entrambi i casi Rossi in uscita con un tocco di destro. La Roma accusa il colpo e al 20’ capitola incassando il poker del Rieti, messo a segno da Priolo che salta Rossi appoggiando poi comodamente in rete. Si sveglia a questo punto la squadra di NUccorini che, verso la mezz’ora, prima sfiora la seconda marcatura con la girata di Coccia, poi la trova con la bella iniziativa del propositivo Cancellieri, il quale converge verso il centro dalla destra trafiggendo poi D’Olimpio con un forte mancino sul secondo palo. Lo stesso Cancellieri ci prova più a seguire su punizione, ma stavolta D’Olimpio blocca con sicurezza, così al triplice fischio dell’arbitro la partita termina 2 a 4.