Notizie
Categorie: Altri sport

Il ritorno in serie C del Città di Frascati sarà affidato alle cure di Lucio Formicola

Dopo tanta esperienza nel settore giovanile, il nuovo coach non vede l'ora di ricominciare



Lucio FormicolaL’organigramma ufficiale del Rugby Città di Frascati per la stagione 2014-15 deve essere ancora svelato, ma intanto alcuni “pezzi del puzzle” stanno già andando al loro posto. Ufficializzati i rientri di Paolo Paladini nel ruolo di direttore generale e Livio Palladini nel ruolo di coach della serie B (con al fianco Luciano Mazzi e Alejandro Villalon), ecco un’altra ghiotta novità per l’annata che inizierà ufficialmente tra poco più di un mese: la società frascatana, infatti, tornerà ad avere una squadra di serie C e la guida tecnica sarà affidata a coach Lucio Formicola

Professore di educazione fisica e allenatore di terzo livello, Formicola (che lo scorso 4 maggio ha festeggiato 47 anni) mostra tutto il suo entusiasmo in vista della nuova avventura. "Non alleno dal 2003, quando ero alla guida dell’Under 16 della Rugby Roma. Ho dovuto staccare per motivi di lavoro  – sottolinea il coach - e ho sempre guidato gruppi del settore giovanile (per ben nove anni proprio a Frascati e gli ultimi cinque alla Rugby Roma, ndr), ma il rugby è sempre stato la passione più grande della mia vita e non appena è capitata questa opportunità, mi sono subito messo a disposizione della società perché la voglia di stare sul campo non è mai passata". Anche perché Frascati ha un significato importante nella sua vita sportiva. "Qui ho esordito da giocatore nel campionato di serie A a 19 anni – ricorda Formicola -, poi qualche stagione più tardi ho dovuto scegliere se continuare a fare l’atleta oppure dedicarmi alla carriera di allenatore". 

La sua prima volta tra i Seniores non lo spaventa. "Le differenze tra allenare i giovani e i grandi? Ve lo farò sapere quando avrò cominciato – sorride Formicola -. Comunque sono molto carico per l’inizio di questa avventura, vedremo che tipo di organico avrò a disposizione, ma la cosa più importante sarà diventare un “serbatoio” dal quale la serie B potrà attingere a piene mani. Sarò in stretto contatto con lo staff del primo XV per cercare di lavorare al meglio". Al suo fianco, a partire da settembre quando inizierà la preparazione, ci saranno i dirigenti Edoardo Caruso e Stefano Teotino, mentre è in via di definizione il nome dell’allenatore in seconda.