Notizie
Categorie: Dilettanti - Promozione

Il Sant'Angelo Romano espugna il "Centro Vigor"

Chirico manda al tappeto la Perconti, ma fa discutere la direzione di gara



9a Giornata - 02 nov 2014
0 - 1

MARCATORE 32’st Chirico 

VIGOR PERCONTI Dimasi, Vitolo (1’st Nicolini), Forte, Pomposelli, Moro, Borgia (35’st Piccolo), Caverni, Perfili, Piccone, Di Bari, Provaroni (17’st Campanella). PANCHINA Scalabrin, Di Paolo, Sambruni, Zampolini. ALLENATORE Bellinati 

S. ANGELO ROMANO Sambucini, Moro, Chirico, Aversa, Novelli, Dominici, S. Sciamanna (50’st Mattiuzzo), Luciani, Ciolfi, Manfredi, A. Sciamanna (35’st Cacciaglia). PANCHINA Ledda, Giardini, Raffaelli, Balestrieri, Fiorentini, Comini. ALLENATORE Lucani 

ARBITRO Bernardini di Ciampino 

ASSISTENTI Zucca di Viterbo e Doria di Ciampino 

NOTE Espulsi Pomposelli (V) al 35’st per comportamento non regolamentare, Caverni (V) al 37’st e Dimasi (V) al 49’st per proteste.  Allontanato dalla panchina il tecnico Bellinati (V) al 36’st per proteste Ammoniti Dominici, Ciolfi, Forte, Manfredi. Angoli 1-4. Recupero 1’pt; 5’st

Successo del Sant'Angelo RomanoIl S. Angelo Romano sbanca il “Vigor Center” e conquista tre punti davvero preziosi in ottica classifica, nel match di metà graduatoria contro i padroni di casa della Vigor Perconti. Una vittoria assolutamente meritata quella dei tiburtini, che hanno giocato davvero una bella gara, e se fossero usciti dal campo di Colli Aniene con un risultato più corposo, di certo non avrebbero rubato nulla. La formazione blaugrana, al contrario, ha mostrato ancora una volta un’insofferenza cronica nel confrontarsi con compagini ampiamente alla loro portata, mentre l’atteggiamento è diametralmente opposto quando i Bellinati’s boys si ritrovano a dover sfidare delle compagini ben più attrezzate (leggi Guidonia e Valle del Tevere in trasferta, ndr). Certamente è un problema di testa su cui il tecnico campione d’Italia ’12 con la Juniores dovrà lavorare anche in vista dell’imminente match di andata dei 16mi di Coppa Italia, contro una delle prime in graduatoria nel girone D del medesimo torneo, in programma mercoledì prossimo al “Montorli” di Boville.  Sconfitta meritata quindi per la Vigor, che non ha realmente fatto nulla per tentare di vincere la gara, almeno nel primo tempo. Non è certamente la prima volta che accade, ma nelle altre occasioni era comunque giunto un pari (contro C. di Monterotondo su cui pesa il rigore fallito da Colarossi, ma ci può stare e Capena). Non entriamo negli aspetti tecnici, ma probabilmente anche il modulo utilizzato penalizza un po’ la costruzione di azioni da goal, con un Piccone decisamente troppo isolato in avanti. Decisamenti insufficiente, invece, la direzione di gara del signor Bernardini di Ciampino.

Parlando del match, gli ospiti partono decisamente meglio e fanno girare molto bene la palla; all’8’ gli ospiti si rendono subito pericolosi con un’azione costruita “in famiglia”, ovvero sull’asse degli Sciamanna, con l’assist di Alessio dalla sinistra per il piatto destro di Simone a tu per tu con Dimasi, che respinge il pallone. Ci pensa poi Forte a mettere in fallo laterale. Passano due minuti e l’ex di turno Luciani mette ottimamente al centro dalla destra, per il colpo di testa di Ciolfi, deviato con il ginocchio in calcio d’angolo dall’estremo difensore di casa. La risposta dei romani arriva al 12’, con la conclusione di Perfili che finisce di poco a lato. Nella ripresa, il sig. Bernardini fischia un paio di fuorigioco agli ospiti, in maniera precisa e puntuale in avvio ma poi va via via spengendosi la sua lucidità. Il goal che decide l’incontro arriva però soltanto al 32’, quando Chirico trova l’1-0  di testa, sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Lo show dei tre in giacchetta nera arriva al culmine fra il 35’ ed il 50’, ovvero nella parte finale del match: prima l’espulsione di Pomposelli, uscito dal campo su autorizzazione dello stesso Bernardini per consentire una medicazione, ma subito dopo espulso per non aver chiesto il permesso di rientrare. In realtà lo stesso ex Albalonga e Monterosi, insieme al dirigente addetto all’arbitro avevano ricevuto l’ok da uno dei due assistenti di linea, che poi ascoltato da Bernardini, ha negato. Ne nasce una piccola discussione, con il tecnico Bellinati che va a chiedere spiegazioni e viene anch’egli allontanato dal campo. Le richieste di chiarimento continuano ed a farne le spese è Caverni, espulso al 37’. Vengono assegnati quattro minuti di recupero, ed al 4’ giro di orologio di extra-time, arriva il rosso diretto anche per il portiere Dimasi, che aveva appena lanciato il pallone verso la bandierina per il corner a favore del S. Angelo. A cambi esauriti, con in porta Piccolo, l’arbitro fischia la fine: vince il S. Angelo Romano fra le polemiche più che giustificate. Ma ora c’è da pensare alla Coppa: occorre azzerare il nervosismo e l’amarezza e mettere in campo tanto cuore per mercoledì, sia per quanto riguarda i romani che per quanto concerne i tiburtini.