Notizie
Categorie: Dilettanti - Eccellenza

Il Serpentara ringrazia Maione: ko l'Audace Sanvito Empolitana

Partita nervosa, chiusa con quattro espulsi (due dalla panchina), un dirigente del Serpentara e Lucidi allontanati



SERPENTARA - AUDACE SANVITO EMPOLITANA 1-0 (AND. 2-3)

MARCATORI
Maione 37’ st 

SERPENTARA BELLEGRA OLEVANO Petrucci 6, Brasiello 6, De Santis 5.5, Rubino 7, Casciotti 6.5, Scotto Di Clemente 6.5, Mattei 5.5 (1’ st Maione 7), La Rosa 5.5 (7’ st Barile 5.5), Petrangeli 5.5 (27’ st Rocchi 5.5), Fazi 6.5, Spaziani 6 PANCHINA Generoso, Carpentieri, Dominici, Di Fazio ALLENATORE Lucidi

AUDACE SANVITO EMPOLITANA Schiavella 6.5, Pepi 6, Secci 6, Belfiore 6.5, Tremiterra 6, Lucatelli 6, Quaresima 5.5, Rueca 5.5 (13’ st Chimeri 5, 40’ st Mastrantonio sv), Meacci 5.5, La Terra 6, Covetti 5 PANCHINA Saccucci, Alongi, Raffaelli, D’Alessandris, Cascio, Ammassari ALLENATORE Russo 

ARBITRO Ubaldi di Roma 1, 4.5 

ASSISTENTI Scopa di Frosinone e Santostefano di Viterbo 

NOTE Espulsi dalla panchina Cascio (A) per aver provocato un avversario e Di Fazio (S) per proteste. Al 45’ st De Santis (S) e Quaresima (A) Allontanato al 49’ st Lucidi (S) per proteste Ammoniti Fazi, Brasiello, Casciotti, Rueca, Belfiore, Pepi, Rocchi, Mastrantonio Angoli 7-3 Rec. 1’ pt, 6’ st  

La gioia del SerpentaraIl Serpentara super per 1-0 l’Audace Sanvito Empolitana nel derby di ritorno dei sedicesimi di finale di Coppa Italia e vola agli ottavi di finale. Si sapeva alla vigili che sarebbe stata una partita tesa e, purtroppo, nel finale si è visto un nervosismo eccessivo, che ha portato il direttore di gara, che non ha certo brillato, ad espellere quattro giocatori (due dalla panchina), un dirigente e Fabio Lucidi. Per quanto riguarda la gara, il Serpentara ha meritato di passare il turno, avendo creato di più degli avversari, che hanno cercato di sfruttare il risultato dell’andata e giocare solo in contropiede, non riuscendo quasi mai, se non con un palo clamoroso colpito nella prima frazione, ad impensierire Petrucci.  

Primo tempo. Partita molto spezzettata e senza grandi emozioni nei 45’ iniziali se non in tre occasioni. All’8’ Rubino lancia sulla destra Brasiello che dal fondo mette un pallone basso per Petrangeli che conclude di prima, ma non trova di poco la porta. Al 30’ errore del direttore di gara, che ammonisce Brasiello che era andato a saltare (fuori area) toccando il rinvio di Schiavella: a nostro giudizio l’intervento dell’esterno destro era regolare. Sulla punizione successiva Audace sfortunata con Meacci che in area conclude, Petrucci tocca e devia sul palo, poi la seconda conclusione di La Terra viene deviata in angolo da un difensore di casa. Al 39’ De Santis regala il pallone a Meacci, ma Scotto Di Clemente salva la situazione togliendo in scivolata il pallone all’avversario. Serpentara vicino al vantaggio al 44’ quando Fazi sulla sinistra mette un bel cross per Casciotti che da posizione favorevole di testa manda alto, complice la marcatura di Secci.  

Secondo tempo. Nella ripresa prova subito a rendersi pericolosa la formazione di Lucidi: punizione di La Rosa respinta da Meacci, la sfera arriva a Spaziani che tira di prima intenzione alto. Incredibile occasione sciupata al 10’ dai padroni di casa, quando un suggerimento di Brasiello viene solo toccato da un difensore avversario in scivolata, Petrangeli si avventa sul pallone e serve in mezzo all’area il neo entrato Barile il cui tiro a botta sicura termina alto. Adesso il Serpentara spinge e ci crede, all’11’ Schiavella è bravissimo in tuffo a dire di no ad una conclusione di Brasiello. Sul corner successivo battuto sempre da Brasiello il colpo di testa di Casciotti non trova lo specchio. Si vedono gli ospiti al 15’ con un tiro da fuori di Lucatelli, servito da Quaresima, potente ma non preciso, poi ci prova Lucatelli da fuori al 24’, Petrucci para in due tempi. Altra occasione divorata dal Serpentara al 29’ quando Rocchi allarga per Fazi che sulla sinistra mette un cross sul secondo palo che scavalca Schiavella, ma proprio Rocchi da due passi manda incredibilmente fuori. Il meritato vantaggio dell’undici di Lucidi arriva nella maniera più rocambolesca al 37’, con una conclusione da fuori di Maione che colpisce il palo e beffa Schiavella. Al 45’ si alza la tensione: De Santis spinge Mastrantonio che stava cercando di prendere il pallone su un fallo laterale, si forma un capannello di uomini e il direttore di gara espelle De Santis e Quaresima (che non ci sembrava avesse fatto nulla di scorretto). Dopo sei minuti di recupero il direttore di gara decreta la fine del match, con il Serpentara che può festeggiare il passaggio del turno.