Notizie
Categorie: Calcio a 5 - C/5 Nazionali

Il sogno è realtà: la Carlisport Ariccia batte il Città di Villafranca e vola in A2

La formazione di mister Micheli si impone 7-3 contro i siciliani e corona con la promozione una stagione fantastica



INNOVA CARLISPORT ARICCIA – CITTA’ DI VILLAFRANCA 7-3

MARCATORI 4’ Borsato (C), 9’ Piccolo (V), 20’ Borsato (C) nel p.t., 1’ Mendes (C), 5’ Pedro (V), 7’ Mendes (C), 9’ Taloni (C), 11’ Piccolo (V), 14’ Borsato (C), 17’ Aquilani (C) nel s.t.

CARLISPORT ARICCIA Pagnoni, Piatti, Aquilani, Mendes, Borsato, Taloni, Cioli, Bresciani, Richartz, Galati, De Filippis, Ranelletti Allenatore Micheli
CITTA’ DI VILLAFRANCA Avanzato, Madonia, Salomao, Sandoval, Pedro, Nocera, Lo Buglio, Porcino, Piccolo, Bruno, Abate Allenatore Piscardi
ARBITRI Maggiore di Bologna, Calaprice di Bari CRONO Di Nicola di Pescara
NOTE Espulso Salomao (V) al 13’st per doppia ammonizione Ammoniti Aquilani, Mendes, Taloni, Borsato, Bruno Falli 2-3, 5-6

Mister Micheli portato in trionfo dopo la vittoriaL’Innova Carlisport centra l’appuntamento con la storia, travolge il Città di Villafranca e conquista una meritatissima promozione in A2. Si chiude nel migliore dei modi la stagione trionfale del team di mister Micheli, che dopo aver sfiorato la vittoria del campionato, chiuso in prima posizione al pari della Futsal Isola ma condannata dagli scontri diretti, e raggiunto la semifinale di Coppa Italia, trionfa nella finale dei play off.
Primo tempo. La gara segue il copione previsto. Il Città di Villafranca si schiera con Piccolo nel ruolo di portiere di movimento sin dall’inizio. Nonostante la tattica, però, i siciliani rallentano la manovra e tengono il possesso della sfera nella loro metà campo. La Carlisport si chiude in difesa e si adegua ai ritmi bassi, forte anche del 3-2 dell’andata. Al primo affondo, però, i castellani passano. Sugli sviluppi di un corner, la palla arriva a Borsato che trova il rasoterra vincente. Sotto di un gol, gli ospiti non cambiano la loro tattica ma sfiorano il pari con Madonia, chiuso da Pagnoni. Al 9’, improvviso, arriva il pareggio. Una conclusione da fuori, respinta dalla difesa della Carlisport, finisce sui piedi di Piccolo che insacca a porta vuota. Il gol carica i siciliani che si ripetono con Bruno, ma questa volta Pagnoni respinge in tuffo. E’ il momento migliore della formazione di Piscardi, che al 12’ colpisce la traversa con Bruno. La Carlisport reagisce immediatamente e si rende pericolosa con Mendes mentre al 13’ Bruno salva sulla linea la conclusione di Taloni. Nel finale i padroni di casa continuano a spingere e sfiorano il nuovo vantaggio con Richartz, Mendes e Borsato. All’ultimo minuto Mendes costringe Avanzato alla respinta, ma sulla palla vagante si fionda Borsato che insacca il 2-1.
Secondo tempo. Nella ripresa la Carlisport dimostra di voler chiudere subito i conti e in 28 secondi cala il tris. Azione in velocità tra Mendes e Borsato e quest’ultimo insacca a porta vuota il 3-1. I siciliani non demordono e dapprima sfiorano il gol con Madonia, quindi lo trovano con Pedro, che insacca da fuori. Al 6’ ospiti ancora pericolosi con Piccolo, che sulla sua conclusione trova l’involontario salvataggio del suo compagno Sandoval, schierato come portiere di movimento nel secondo tempo. Scampato il pericolo, la Carlisport cambia marcia. Al 7’ Taloni si invola sulla sinistra e serve Mendes per il 4-2. Passano due minuti ed è il capitano castellano ad intercettare la sfera a ad insaccare a porta vuota dalla distanza. Il 5-2 mette al sicuro il risultato, anche se all’11’ un contropiede guidato da Madonia, viene concluso in rete da Piccolo. Il team di Micheli torna subito a macinare gioco. Al 13’ Borsato e Richartz sfiorano la sesta rete, che arriva al 14’ con Borsato, che sfrutta la superiorità numerica per l’espulsione di Salomao per doppia ammonizione. A questo punto il Città di Villafranca scompare dal campo e la Carlisport potrebbe dilagare. Al 16’ Richartz centra in pieno la traversa. Al 17’ Bresciani serve Aquilani, che a porta vuota fissa il definitivo 7-3. Al 18’ i castellani conquistano un tiro libero, ma dai dieci metri Borsato centra il palo, mentre al 19’ Cioli impegna Avanzato. L’ultima emozione arriva a 54 secondi dalla sirena, quando mister Micheli inserisce Andrea De Filippis, al rientro in campo a quasi quattro mesi dal grave infortunio al tendine subito contro il Maran Nursia. Con il rientro del suo portiere, la festa può dirsi completo. Al suono della sirena, può scoppiare la gioia della formazione castellana, che chiude una stagione da incorniciare.