Notizie
Categorie: Dilettanti - Serie D

Il Sora sbanca Genzano e ringrazia Cruz: Cynthia nel baratro

La compagine castellana, dopo aver gettato al vento tante occasioni, s'inchina all'undici sorano



10a Giornata - 09 nov 2014
0 - 1

MARCATORI Cruz 31’st
CYNTHIA Serpietri 6, Panella 5.5 (14’st Rosella 5.5), Carta 6, Bianchi 6.5 (33’st Senesi 6), Leccese 5.5, Bagaglini 6, Tabarini 5.5, Vignolo 5.5, Damiani 6, Errico 6, Peressini 6 (33’st Martena 6) PANCHINA Scarsella, Cacciotti, Le Rose, Bispuri, Rosella, Marchetti, De Angelis ALLENATORE Rughetti
SORA Frasca 7.5, Cardazzi 6.5, Barigelli 6.5, Copponi 6 (6’st A. Simoncelli 6), D’Andrea 6, Maccaroni 5.5, Blandino 5.5 (44’st Lombardo sv), Cruz 7 (44’st Cataldi sv), De Marco 6, De Bruno 6, Prata 6 PANCHINA DeRobertis, Jukic, M. Simoncelli, Fischetti, Cestroni, Pasini ALLENATORECastiello
ARBITRO Mastrogiuseppe di Sulmona, 5.5
ASSISTENTI Caso di Nocera Inferiore, Montagnani di Salerno
NOTE Ammoniti Leccese, Bagaglini, Maccaroni, De Marco Angoli 10-3 Rec. 2’pt – 6’st. 

Al Comunale di Genzano continua la maledizione per il Cynthia di Rughetti, che tra le mura amiche non sa vincere e la festa è tutta di marca sorana. Il Sora di Castiello, infatti, sbanca Genzano e nonostante l’assenza di Soudant  strappa i tre punti grazie ad un super gol del solito Cruz. Per quanto riguarda i castellani che dire: probabilmente la sconfitta è una punizione eccessiva, anzi occasioni alla mano addirittura il Cynthia avrebbe meritato la vittoria ma purtroppo per i biancoblu nel calcio vince chi segna. E il Sora è stato bravissimo proprio in questo, ovvero nel concretizzare al massimo le occasione da gol maturate.  

Cruz, attaccante del SoraDopo il fischio iniziale del sig. Mastrogiuseppe di Sulmona comincia la partita e la prima mezz’ora sarà piuttosto soporifera: gara bloccata e praticamente nessun tiro in porta. Al 15’ però, episodio dubbio in area bianconera, Peressini viene atterrato  e per un attimo è sembrato che il direttore di gara indicasse il dischetto, prima di concedere la rimessa dal fondo in favore del Sora. Con la cronaca passiamo al minuto 34 che coinciderà, pensate un po’, con il primo vero tiro in porta: ci prova per la formazione di casa Tabarini, che sfida nell’uno contro uno Cardazzi e fa partire un destro secco, sfera alta di un paio di metri. La risposta dei sorani arriva circa al 37’, De Marco scambia bene con Cruz dalla sinistra, entra nell’area piccola e prova un tocco sotto che non inquadra la porta di Serpietri. Nel finale di tempo il Cynthia (priva di Alonzi e Di Bartolomeo) cresce e potrebbe portarsi invantaggio con Tabarini che servito ottimamente da Errico cicca la sfera da ottima posizione. Adesso i locali premono e mettono in difficoltà il Sora: siamo al 44’, Tabarini serve al centro un pallone d’oro verso Damiani che calcia a botta sicura, ma incredibilmente Barigelli respinge sulla linea salvando i suoi da un gol certo. Nella seconda frazione la storia della partita non cambia, i padroni di casa ci mettono tutta la buona volontà, ma il Comunale di Genzano sembra stregato: pronti-via e dopo un calcio di punizione dalla sinistra di Carta, Bianchi salta più in alto di tutti ma il suo colpo di testa viene respinto dall’estremo difensore del Sora. Passano quindici minuti e Damiani a seguito di una mischia si ritrova il pallone tra le gambe in piena area di rigore. L’attaccante castellano non impatta con violenza, ma la palla prende una strana traiettoria e per fortuna dei bianconeri Frasca si fa trovare pronto nella parata. Il Cynthia preme e, come spesso accade in questi casi, il Sora si porta in vantaggio in contropiede: splendida ripartenza di Cruz che dalla sinistra si fa praticamente tutto il campo, si accentra e supera Serpietri insaccando lo 0-1 per la gioia dei tifosi bianconeri. Subìto il gol i castellani cercano di reagire, al 38’ conclusione violenta di Tabarini, ma Frasca è un muro e dalle sue parti non si passa. Il portiere del Sora è probabilmente uno dei migliori in campo: al 44’ ci prova di potenza Carta e indovinate un po’? Frasca respinge. Ormai siamo in pieno recupero, nel Cynthia ci provano un po’ tutti, addirittura al 51’ anche il portiere Serpietri conclude di testa a seguito diun calcio d’angolo ma la palla si perde altissima sopra la traversa. Sarà l’ultima occasione da gol: al triplice fischio la festa sorana può cominciare.