Notizie

Il Tor di Quinto stende anche l'Ostia Mare: la sfida con la Lazio vale il primo posto

Altra bella prova dei rossoblu, che dopo la Viterbese superano anche i biancoviola trascinati da Franco. Per Schiavi e i suoi arriva il pass anticipato per la seconda fase



OSTIA MARE – TOR DI QUINTO         1-3 

MARCATORI Franco 1’pt e 5’pt (TDQ), Passaretti 3’st (OM), Zorli 30' st 

OSTIA MARE Conte, Colonnelli (18’st Salvatori), Monfreda (32’pt Martini), Scaccia, Biraschi, Zanin, Passaretti, Felici, Bucrì, Camilleri (1’st Galderisi), Bello (25’st Sibilio) PANCHINA De Persio, Pulicati, Gadaleta ALLENATORE Mussoni

TOR DI QUINTO Allocca, Basconi, Franco (12’st Meluzio), Luciani (20’st Scarpineti), Furia, Fabiano, Belletti 827’st Calcaterra), Ndoi (1’st Zorli), Spizuoco, Marcello (5’st Clementi), Testa (1’st Intini) PANCHINA Chicca ALLENATORE Schiavi 

ARBITRO Genovese di Roma 1, 6 

NOTE Ammoniti Colonnelli, Luciani. Angoli 2-4. Rec. 4’st.

TdQ, seconda vittoria e semifinale © photosportroma.itIn condizioni quasi impraticabili il Tor di Quinto di Schiavi cala il tris contro l’Ostia Mare, cogliendo i 3 punti anche nella seconda partita del Memorial Paolo Testa. Inizio di gara veramente incredibile, sotto una pioggia incessante in soli 5’ di gioco vengono marcate addirittura tre reti. Il primo affondo dei Tor di Quinto vale il gol del vantaggio: sulla corsia laterale sinistra Franco guadagna il fondo e lascia partire un traversone che beffa Conte, bacia il secondo palo e si insacca. Neanche il tempo di festeggiare che l’Ostia Mare mette palla al centro e pareggia, merito del gran diagonale mancino di Passaretti che tocca la traversa e si infila alle spalle di Allocca. Il Tor di Quinto non ci sta e immediatamente si riversa in avanti ripassando in vantaggio con la meravigliosa punizione dai 25 metri di Franco, già protagonista con una bella doppietta in soli 5’. A seguire il ritmo di gioco non cala e i granata si rendono di nuovo pericolosi verso il quarto d’ora con la conclusione di Marcello ed il palo colpito da Belletti con un velenoso tiro-cross. A questo punto, dopo un avvio così intenso, il ritmo di gioco cala comprensibilmente, complice anche la forte pioggia che rende difficile impostare la manovra, così non si registra nulla di rilevante fino all’intervallo, eccezion fatta per un gol annullato a Ndoi.

Nella ripresa partono bene i viola che si affacciano pericolosamente un paio di volte dalle parti di Allocca, ma dopo questo non accade più nulla. I mister avviano la girandola di cambi nel tentativo di ravvivare il gioco, anche se il diluvio torrenziale che si abbatte sul campo Testa non rende le cose semplici ai 22 in campo. Solo nei minuti finali arriva il lampo dell’undici di Schiavi, che grazie al bolide mancino di Zorli da fuori area portano il punteggio sul 3-1 assicurandosi la vittoria.