Notizie
Categorie: Giovanili - Juniores

Il Villanova espugna Fregene nella ripresa con Ugolini e Ruggiero

I padroni di casa sbagliano un calcio di rigore al 30' della ripresa con Vinciarelli e chiudono in nove uomini



FREGENE- VILLANOVA 0-2 

MARCATORI
Ugolini 25'st (V), Ruggiero 35'st (V) 

FREGENE Serantoni 6, Dato 6, Fusacchia 6 (26'st Bartolucci 6), Battisti 6 (26'st Flore 6), Fia 5, Martella 6 (40'st Candida sv), Petrocchi 6 (16'st Castaldo 6), Iudica 5.5, Vinciarelli 5 (33'st Salaris), Trotto 6.5, Celi 6 (26'st D'Onofrio 6) PANCHINA Mirti, Raffaelli ALLENATORE Zappia 

VILLANOVA Bambino 7, Di Paolo 6.5 (38'st Di Benedetto 6), Marchini 6.5, Cicchinelli6, Teofili 6 (4'st Viscuso 6), Paolacci 6, De Angelis 6.5 (30'st Papalia 6),Ugolini 8, Golia 7, De Dominicis 6 (26'st Garritano 6), Petruccioli 6.5 (14'st Ruggiero 7) PANCHINA Balestrieri, Lucci ALLENATORE Volpe 

ARBITRO Littorio di Roma 1, voto 6 

NOTE Espulsi al 21'st Iudica (F) per doppio giallo, al 22'st Fia (F) per scorrettezze. Ammoniti Teofili, Trotto, Iudica, Paolacci, Garritano. Rigore fallito al 30' st da Vinciarelli (F). Angoli 6-2. Rec. 1'pt - 8'st. 

Uno scatto del matchIl Villanova espugna il Paglialunga grazie alla prodezza di Ugolini e al gol di Ruggiero, entrambi nella ripresa. Gara comunque condizionata da episodi sfavorevoli al Fregene, che riesce a complicarsi la vita anche da sé, con due espulsioni (fra cui quella inutile di Fia, fra i migliori fino al rosso), e un rigore sbagliato. 

Primo tempo Equilibrio nei primi minuti. Un paio di occasioni, una per parte, scaldano i riflessi dei portieri. All'8' Trotto toglie la sfera a Teofili proprio a centro area e calcia, buona la conclusione che tuttavia si spegne oltre la traversa. Subito dopo Fia copre benissimo su Golia, lanciato a rete sulla destra, e concede solo un corner all'attaccante ospite, che aveva azzeccato scatto e stop ma non aveva considerato l'esperienza del centrale difensivo tirrenico. Grandissima punizione da venti metri di Petruccioli al 18' ma Serantoni c'è e devia non senza difficoltà in angolo. Incredibile occasione per gli ospiti al 32' sulla punizione di Martella dalla trequarti centrale: la palla è sul palo mancino, dov'è c'è Trotto che con una splendida rovesciata spara una cannonata che Bambino neutralizza col corpo. Tanto movimento e agonismo negli ultimi minuti, ma poca sostanza. Si va al riposo con uno 0-0 giusto. 

Secondo tempo Al 7' Iudica sfiora la rete a un passo dalla porta, sugli sviluppi di un tiro dalla bandierina: la difficile coordinazione influisce sulla misura del tiro che si spegne sul fondo. Sul corner che ne segue è ancor più in pericolo Bambino, per un batti e ribatti sul filo del gol che si risolve poi nella spazzata lunga della retroguardia. Ingenuità di Iudica al 21', che commette fallo su De Angelis al limite pagando col secondo giallo e complicando la gara dei suoi. Il match ora cambia volto e inizia a sorridere al team di Volpe. Pochi istanti dopo l'espulsione di Iudica infatti, nel corso della sistemazione della barriera al calcio di punizione decretato dall'arbitro, Fia fa harakiri. Il numero cinque spintona un avversario a gioco fermo il quale cade a terra, l'arbitro vede tutto e lo espelle. Finalmente, al 25', si può battere la punizione dal limite che Ugolini, con un grandissimo destro, provvede a parcheggiare alle spalle di Serantoni fissando lo 0-1. Al 30' botta di Flore e palo, ma con la complicità di una impercettibile deviazione di Marchini col braccio e volontaria secondo l'arbitro che assegna al Fregene il rigore. Vinciarelli si fa ipnotizzare da Bambino e fallisce il tiro dagli undici metri. Al 34' Golia fra due difensori prova dalla distanza ma non inquadra lo specchio. Ancora Golia un minuto dopo serve Ruggiero, che con la difesa ormai battuta realizza lo 0-2. Partita ora incandescente, che la signora Littorio di Roma 1 mantiene nei binari come può, con vari cartellini e un pugno di ferro. Gli assalti del Fregene non sortiscono effetti significativi e, dopo otto minuti di recupero e qualche occasione ospite in contropiede, il triplice fischio mette fine a una delle più incredibili beffe cui il Paglialunga abbia assistito. Una beffa e una sconfitta figlie di una squadra sì eccellente, il Fregene, tuttavia vittima di limiti nella mentalità (leggasi un nervosismo inutile), oltre che dell'ottima prova del Villanova.