Notizie
Categorie: Calcio a 5 - C/5 Nazionali

Immensa Futsal Isola, Catanzaro battuto in trasferta

Rubei raggiunge i giallorossi. Marcelinho, Mentasti e Moreira regalano altri tre punti alla squadra di Fiumicino. In Calabria finisce 4-1



CATANZARO C5 STEFANO GALLO – FUTSAL ISOLA 1-4


MARCATORI
pt 4’31’’ Osvaldo (CZ), 10’56’’ Rubei (I); st 06’49’’ Marcelinho (I), 14’35’’, 19’56’’ Moreira (I)

CATANZARO C5 STEFANO GALLO Barbera, Salomao, Iozzino, Osvaldo, Egea, Frustace L., Pugliese, Frustace F., Calabrese, Vìtor Hugo, TJ, Mazzei ALLENATORE Lombardo

FUTSAL ISOLA Basile, Mentasti, Rubei, Lutta, Marcelinho, Emer, Djelveh, Arribas, Moreira, Mazzuca, Mongelli, Gentile ALLENATORE Angelini (squalificato, in panchina Rufo)

ARBITRI Nitti e Tessa di Barletta CRONO De Falco di Catanzaro


Marcelinho, in rete a CatanzaroQuattro a uno Isola, Catanzaro ko. Un sogno. Al Pala Sant’Elia volano solo gli Oranje. Partita assurda, giocata sempre a duemila. La Banda Rufo (ancora in tribuna per squalifica mister Angelini) alla seconda si scopre grandissima. Sei punti in classifica, Augusta e Catanzaro messe in fila. Solo due settimane fa sarebbe stato un azzardo. 


La partita. L’Isola gioca per dare continuità alla vittoria sull’Augusta, il Catanzaro per volare. Per i giallorossi esordio nello splendido Pala Sant’Elia e aspettative a mille. Per gli Oranje prova di maturità davanti a una delle squadre più forti del campionato. Rufo ritrova Mentasti. Zoppo invece rimane a Fiumicino per squalifica. In campo oltre all’ex Lazio vanno Lutta, Djelveh, Bastianelli, Arribas, Rubei, Basile, Moreira, Marcelinho, Mongelli, Emer e due giovani Mazzuca e Gentile. Catanzaro con Barbera, Salomao, Iozzino, Osvaldo, Egea, Mazzei, i due Frustace, Pugliese, Calabrese, Hugo e Jose. 

I ritmi sono subito alti, i calabresi provano a fare la partita. L’Isola tiene botta e non rischia nulla. L’equilibrio è massimo. Lo sbloccano al quarto e spiccioli i giallorossi: cambio lento per gli Oranje, i padroni di casa sfruttano la superiorità e Osvaldo la insacca. Uno a zero. La Banda Rufo prende lo schiaffo ma non accusa. L’Isola gioca e al minuto 10.56 trova il pari. Lutta sulla sinistra mette il turbo e scarica al centro dove sbuca Rubei che infila Barbera: uno a uno e secondo gol consecutivo per la ‘leggenda’. I primi venti finiscono lì. 

Nel secondo i ritmi si alzano ed esce l’Isola che sembra averne di più. Minuto 6.49, rilancione di Basile, Moreira la tocca per il taglio di Marcelinho: gol e vantaggio Isola. Il Catanzaro si butta in avanti ma combina poco. Mister Lombardo prova il portiere di movimento. Gli Oranje si chiudono, soffrono e passano con Mentasti (gol al debutto per l’ex Lazio) a cui Angelini e Rufo regalano una nuova vita da ultimo. I giallorossi non mollano e le tentano tutte. Moreira imita Mentasti e manda i titoli di coda a dieci secondi dalla sirena. Catanzaro uno, Isola quattro. Bello così.