Notizie
Categorie: Altri sport

Inarrestabile Lazio! Ko anche il Bogliasco

Quarto risultato utile di fila per la formazione di Formiconi



S.S. LAZIO NUOTO-R.N.BOGLIASCO 14-9

LAZIO NUOTO Vespa L. , Samuels J. 1, Di Rocco L. 2, Africano R. 1, Gianni G. 1, Colosimo F. , Cannella G. 1, Vittorioso A. 4 (1 rig.), Leporale M. 1, Calcaterra A. 2, Maddaluno R. 1, Mele A. , Correggia V. ALLENATORE Formiconi

BOGLIASCO Prian E. , De Trane M. 1, Di Somma A. , Gavazzi F. , Di Somma E. , Ravina R. 1, Loomis S. 1, Monari M. 1, Boero G. , Guidaldi G. 2, Guidi M. 1, Deserti A. 2, Insollitto F. ALLENATORE Bettini 

ARBITRI Centineo e Colombo


Calcaterra in azione (foto Napolitano)La Lazio festeggia l’ultima del 2014 in casa con una grande vittoria che ancora una volta dimostra il buon momento di forma dei ragazzi di Formiconi. I biancocelesti vincono 14-9 contro la Rari Nantes Bogliasco nella gara valida per la nona giornata di A1. Nonostante un avvio di stagione difficile, le aquile acquatiche conquistano così il decimo punto in classifica grazie a tre vittorie e un pareggio nelle ultime quattro partite. Sugli scudi l’intramontabile Vittorioso, autore di quattro gol e di un’ennesima prestazione impeccabile che a “quasi 42 anni” dovrebbe servire da esempio ad ogni sportivo. Continua la crescita di Cannella e Mele, il secondo bravo a chiudere in difesa, ma come sempre a fare la differenza è stato soprattutto il gruppo. Risultato mai in discussione, salvo il primo parziale terminato in parità, i padroni di casa hanno condotto l’incontro. Una vittoria che regala ulteriore fiducia alla squadra che adesso è pronta per la trasferta di Napoli contro la Canottieri, per provare a chiudere l’anno in bellezza.


La cronaca Eppure la partita non era iniziata bene con il Bogliasco in vantaggio dopo cinque minuti con Deserti. La rimonta laziale tra il primo e il secondo quarto grazie alle reti di Vittorioso su rigore e di Di Rocco. Tra i biancocelesti segna anche Cannella (3-2), il Bogliasco prova a rimanere in partita, si porta sul 4-4 con la rete ancora di Deserti. Ma la sterzata finale degli uomini allenati da Formiconi è decisiva: i due “grandi saggi” Vittorioso e Calcaterra portano il punteggio sul 6-4 negli ultimi due minuti del tempo. Un vantaggio destinato a crescere nella seconda parte della partita. Nel terzo quarto, infatti, Calcaterra, Samuels, Gianni e Vittorioso realizzano i gol che portano i biancocelesti sul 10-7. Un successo mai messo in discussione anche negli ultimi otto minuti di gara quando arrivano altri quattro gol con Leporale, Maddaluno, Di Rocco e Vittorioso. Finisce 14-9.


Dopogara L’allenatore della Lazio Pierluigi Formiconi è entusiasta al termine della partita: “Oggi era difficile, ma Capitan Vittorioso, ha segnato 4 golabbiamo giocato bene e l’abbiamo portata a casa. Volevo la vittoria, l’importante erano i punti, sono molto contento. Siamo arrivati a 10 punti in classifica, era quello che volevamo, ora ci giochiamo la partita a Napoli. Oggi siamo stati abbastanza ordinati, forse qualche errore all’inizio, ma quattordici gol fatti sono comunque tanti. I ragazzi hanno voglia di fare, la Lazio è entrata nelle prime 8: un miracolo per come eravamo partiti. Poi siamo tutti ragazzi romani, a parte Samuels, abbiamo un forte senso di appartenenza. Speriamo di finire l’anno non perdendo a Napoli. Siamo una squadra compatta che sa giocare con grande intensità. Sono tutti bravi: dal portiere Vespa che sta crescendo, ai veterani Calcaterra e Vittorioso”. Anche il giovane Alessandro Mele esprime la propria gioia, al termine di una sfida che lo ha visto ottimo protagonista, soprattutto al cospetto di un grande centroboa:“Contrastare Deserti non era facile. Io do sempre il massimo, ci aiutiamo tutti. Cos’è cambiato? Dovevamo ingranare, si sente il gruppo, stiamo giocando da squadra. CI mancava quella convinzione che abbiamo conquistato nel derby. Il successo nella stracittadina è stato una svolta. Non ho segnato, è il mio limite, però l’importante è lavorare bene in difesa, magari il gol arriverà. Siamo una squadra forte, determinata”.