Notizie
Categorie: Dilettanti - Serie D

Incredibile a Sora! Sentite Massimiliano Farris: "La dirigenza deve a me e ai giocatori sette mesi di stipendio, abbiamo adito per vie legali"

Una vera e propria denuncia quella dell'ormai ex tecnico bianconero: "Tante promesse da Pecorelli e Attianese: ora sono scomparsi tutti"



Massimiliano Farris“La dirigenza non ci ha pagato sette mesi di lavoro, abbiamo adito per vie legali”. Quello che ha denunciato Massimiliano Farris, ormai ex tecnico del Sora, è clamoroso. La voce è quella di una persona arrabbiata, delusa, amareggiata, che proprio non si aspettava un epilogo simile. In questi casi è difficile aggiungere altre parole: per capire meglio cosa è successo vi invitiamo a leggere le prossime righe.

Mister Farris la situazione sembra grave.

Direi di si. Premetto che a me dispiace molto, ma è inammissibile quello che sta accadendo: una dirigenza scomparsa, che deve a me e ai giocatori sette mesi di stipendio. Tante promesse da Attianese e Pecorelli, ma poi si è concluso tutto in un nulla di fatto. Adire per vie legali mi è sembrata l’unica soluzione.

Avete cercato un chiarimento con la dirigenza?

Ci abbiamo provato, ma abbiamo ricevuto in cambio soltanto promesse fasulle. Ci era stato garantito con svariate percentuali, con svariati giuramenti, che i pagamenti sarebbero stati effettuati: invece ad oggi sono spariti tutti. Si parla spesso del momento critico che sta attraversando il nostro paese e ora prova a immaginare cosa significa per me e per l’intero gruppo aver lavorato praticamente gratis per quasi l’intero arco della stagione.

E’ difficile aggiungere altro…

Come ho detto in precedenza a me dispiace tantissimo, per il fantastico gruppo che ho allenato, ma soprattutto per la tifoseria con la quale mi sono trovato benissimo. Però è ovvio che attualmente non vedo il Sora nel mio futuro. Anzi ti dico di più, in questo momento è difficile vedere in generale un futuro calcistico per il Sora. Non so se Pecorelli non si aspetti le nostre vertenze, oppure magari ha una bacchetta magica, ma con tutti questi arretrati iscrivere la squadra al prossimo campionato è praticamente impossibile. Poi se la sua intenzione è quella di saldare tutti ci possiamo tranquillamente sedere intorno ad un tavolo e parlare civilmente. 

Adesso però deve pensare al suo futuro come allenatore: è vero che ci sono stati contatti con il Rieti?

Si c’è stato qualche contatto, ma credo che in questo momento il Rieti deve prima risolvere la questione societaria. Una volto risolto questo problema, perché no, possono cominciare le trattative. Di contatti ce ne sono stati tanti, ho parlato con la Viterbese ma non se ne è fatto nulla. Idem con il San Cesareo. Al momento la situazione è in fase di stallo quindi bisogna attendere ancora un po’: non so chi allenerò il prossimo anno, ma spero soltanto di non trovarmi mai più in questa situazione.