Notizie
Categorie: Nazionali - under 17

Italia ko all'esordio contro l'Inghilterra

Sconfitta di misura per gli azzurrini, condannati dalla rete di Edwards ad inizio ripresa. Domenica contro l'Irlanda è già un match decisivo



MARCATORI Edwards 7’st

ITALIA U17 Donnarumma, Scalera, Giraudo, Mattioli, Llamas, El Hilali (31’st Degl’Inncenti), Matarese (5’st Coccolo), Eleuteri, Cutrone, Mazzocchi PANCHINA Cucchietti, Malberti, Melegoni ALLENATORE Tedino

INGHILTERRA U17 Woolston, Yates, Dasilva, Davies (35’st Arnold), Oxford, Collinge, Holland, Willock, Mavididi (25’st Ugbo), Ndukwu (1’st Edwards), Kane PANCHINA Huffer, Wright, Edun, Suliman ALLENATORE Peacock

ARBITRO Jaccottet (SVI)

ASSISTENTI Avdo (ALB) - Popov (BUL)

NOTE Ammoniti Mattioli, Locatelli, El Hilali, Yates, Davies


Image titleInizia con una sconfitta l’Europeo Under 17 in Bulgaria. L’Inghilterra, campione in carica, vince il match di misura, con un goal di Edwards all’inizio del secondo tempo,  guadagnando  così i tre punti che la portano al comando del girone D.L’Italia scende in campo con Donnarumma in porta; la linea difensiva formata da Scalera, Mattioli, Llamas e Giraudo; Eleuteri, El Hilali, Locatelli e Matarese a centrocampo; Cutrone e Mazzocchi attaccanti. Un primo tempo vessato dalla pioggia battente e con poche occasioni da raccontare, salvo dire che per buona parte della frazione gli azzurrini hanno ben tenuto il campo, controllando il gioco ma senza mai rendersi mai particolarmente pericolosi. Gli inglesi, dal loro canto, rispondono con uno schieramento in campo speculare a quello italiano, soffrendo inizialmente il buon pressing portato dagli azzurrini sulla loro tre quarti. Ma  dalla mezz’ora, l’Inghilterra prende in mano le redini e si procura l’unica occasione degna di nota: un cross rasoterra da sinistra, viene deviato in scivolata da Davies, tiro che termina non distante  dal palo alla destra di Donnarumma. La seconda frazione inizia con l’infortunio di Matarese, sostituito da Coccolo, e gli inglesi decisamente spingono  in avanti, tanto da realizzare dopo appena 6 minuti (al 46’) il goal del vantaggio: una bordata da 20 metri di Kane colpisce la base del palo e la palla ritorna in area; il subentrato Edwards raccoglie il rimbalzo e mette agevolmente dentro.

Tedino tenta con dei cambi di scuotere gli azzurrini, che appaiono frastornati dalle giocate talentuose del ‘folletto’ Edwards e dalle incursioni di Holland e Willock: entra Coccolo al posto dell’infortunato Matarese, Lo Faso per Eleuteri e Degl’Innocenti invece di El Hilalii, ma la musica cambia poco. Sono sempre gli inglesi a rendersi pericolosi e Donnarumma evita al 76’ la definitiva debacle uscendo sui piedi di Holland, nell’area piccola, intercettando il suo tiro destinato alla rete. La prima fiammata azzurra è proprio allo scadere dei 5’ minuti di recupero: è Cutrone, sempre troppo solo nell’arco di tutta la partita, che con un’azione insistita si procura la possibilità di un tiro forte e radente che lambisce il palo alla destra di Wollston.

Parziale la delusione del tecnico, Bruno Tedino:” Abbiamo giocato un buon primo tempo e abbiamo perso concentrazione nel secondo. Avevamo di fronte i campioni d’Europa e sapevamo di dover fronteggiare una squadra solida e talentuosa. Comunque, - conclude Tedino - dovremo migliorare la nostra tenuta se vogliamo battere l’Irlanda nel prossimo incontro”. Partita, questa, che si disputerà il 10 maggio a Stara Zagora. Gli irlandesi, oggi, hanno pareggiato 0-0 con l’Olanda.


Risultati e le classifiche

Gruppo A. Spagna-Austria 1-1; Bulgaria-Croazia 0-2 (giocate ieri)

Classifica Croazia 3; Austria, Spagna 1; Bulgaria 0

Gruppo B. Repubblica Ceca-Slovenia 1-0; Belgio-Germania 0-2 (giocate ieri)

Classifica Germania, Repubblica Ceca 3; Slovenia, Belgio 0

Gruppo C. Grecia-Russia 2-2; Scozia-Francia 0-5

Classifica. Francia 3; Russia, Grecia 1; Scozia 0

Gruppo D. Repubblica d’Irlanda-Olanda 0-0; Italia-Inghilterra 0-1

Classifica. Inghilterra 3; Olanda, Repubblica d’Irlanda 1; Italia 0


Passano il turno le prime due di ogni girone. Poi quarti con gare uniche, chi vince va alle semifinali.  Il girone D, quello dell’Italia, si incrocia con il girone C. Le prime sei del Torneo si qualificano ai Mondiali in Cile il prossimo ottobre