Notizie
Categorie: Calcio a 5 - C/5 Femminile

Jessica Sabatini batte un colpo: Erika Villani è dell’Olimpus

La formazione di Roma nord ufficializza l'ex capitano della Res Roma di calcio a 11



Erika VillaniLa A.S.D. Olimpus Olgiata 20.12 rende noto di aver acquisito a titolo definitivo le prestazioni sportive di Erika Villani. L’ex capitano della Res Roma di calcio a 11 si aggregherà dunque alla formazione guidata da Marco Abati. A darne notizia è il Team manager dell’Olimpus, Jessica Sabatini, che dichiara: “Seguivo Erika con particolare attenzione già dalla passata stagione, non ero però riuscita a convincerla a fare il salto dal calcio a 11 al futsal. Averla finalmente a disposizione, arricchisce l’Olimpus dal punto di vista tecnico ma ancor più da quello umano. E’ infatti un’atleta di grande spessore morale e sono certa che saprà rispecchiare al meglio lo spirito blues dentro e fuori dal campo. Benvenuta all’Olimpus Erika”. Al termine dell’incontro con la Società, a parlare è Erika Villani. Oltre all’interesse mostrato dalla dirigenza, sulla sua decisione di arrivare all’Olimpus ha pesato il legame con un’altra ex Res Roma, Serena Sergi, prossima ad iniziare la sua terza stagione in blues.


Erika, si sente pronta per passare dal calcio a 11 al calcio a 5?

“Sì, diciamo che ho maturato questa decisione nel giro di un mese. Mi sento pronta a questo passaggio, anche se agli effetti è un ritorno. L’ho praticato anni fa e ora, dopo otto anni, torno al futsal. Per me è una nuova sfida e mi sento pronta per affrontarla al meglio”.


Cosa l’ha convinta a venire all’Olimpus?

“Serena (Sergi, ndr) che è mia amica da anni mi ha sempre parlato bene dell’Olimpus. Poi, venendo a seguire alcune partite, ho conosciuto la dirigenza e alcuni membri della Società e mi hanno fatto tutti una buona impressione. Ci è voluto poco a convincermi”.


Vi troverete in campo lei e la Sergi? In che ruolo pensa di giocare?

“Io e Serena in campo, data la confidenza che abbiamo, ci permettiamo di dircene di cotte e di crude senza problemi. Riusciamo a separare l’amicizia dall’essere compagne di squadra. Non abbiamo nessun problema. Per quanto riguarda il ruolo, ho sempre giocato sull’asse centrale, per questo credo che giocherò da ultimo. Mi metto comunque al servizio dell'allenatore e giocherò dove lo riterrà utile, per il bene della squadra”