Notizie
Categorie: Giovanili - Juniores

Juniores Nazionali, Abbatini si gode il suo Cynthia "Ho un grande gruppo"

Il tecnico dei castellani pronto alla sfida contro il Palestrina: "Scenderemo in campo per i tre punti"



IlAlessandro AbbatiniCynthia è reduce dalla grande prestazione di sabato scorso contro l'Isola Liri, vinta con un tennistico 6-0. Un esito, quello della trasferta della seconda giornata, che segue la convincente prova contro l'Aprilia e lancia la squadra di Alessandro Abbatini in vetta al girone, a sei punti, assieme a Flaminia e Ostia Mare. Abbiamo sentito il tecnico bianco blu per provare a riflettere sul momento della squadra, a metà strada fra l'ottima trasferta di sabato scorso e il big match in programma domani.    

f

Mister, contro l'Isola Liri una vittoria straripante che permette al Cynthia la vetta, a punteggio pieno. È corretto parlare di partita perfetta?

"Di certo abbiamo mostrato una superiorità evidente. Abbiamo avuto la capacità di rendere le cose molto più semplici rispetto a come avrebbero potuto essere. La squadra non ha mai mollato, neppure a risultato acquisito. I ragazzi hanno dato tutto e hanno manifestato una carica agonistica durata fino al triplice fischio. Eppure - conclude il tecnico - possono ancora esserci spazi di miglioramento".   

Davvero? In quali ambiti?

"Mi riferisco innanzitutto al gioco: dovremo riuscire ad aumentare le soluzioni davanti. Inoltre penso alla crescita dei nostri '97, che saranno - prevede il mister - la vera arma in più del nostro girone di ritorno. Ne abbiamo tanti e davvero bravi, ma la loro provenienza dagli Allievi - ragiona Abbatini - ci impone un lavoro costante, soprattutto riguardo la mentalità. La Juniores è tutta un'altra cosa".   

Tornando alla partita di sabato scorso, il tridente ha mostrato efficenza, qualità e quantità. Esiste però il pericolo di un'ubriacatura pericolosa per il prosieguo del campionato? 

"I tre davanti hanno fatto una grande partita. Con una doppietta a testa D'Alessio, Reali e Senesi si sono guadagnati il plauso mio e di tutto l'ambiente. Riguardo al rischio che possano montarsi la testa, lo escludo categoricamente. Non sulla fiducia ma sui fatti - sottolinea il tecnico - Il lavoro che loro, e tutta la squadra, hanno svolto in settimana negli allenamenti è stato persino maggiore e più caparbio rispetto a quello svolto negli ottimi novanta minuti di sabato. Del resto - chiosa Abbatini - se la squadra si adagiasse sugli allori dopo un sei a zero quello che non avrebbe svolto bene il proprio lavoro sarei io".   

Tra ventiquattrore arriva il Palestrina. Esordio col botto per il team di Fatello, 5-0 rifilato all'Isola Liri. Con quale mentalità scenderete in campo? 

"Scenderemo in campo per i tre punti, che sono fondamentali - afferma categorico Alessandro Abbatini - Infatti sarà importante arrivare al turno di riposo (alla quarta di campionato, ndr) a nove punti e primi in classifica. Così da poterci mettere alla finestra, tranquilli per aver fatto il nostro e averlo fatto bene, sperando magari in qualche passo falso dei nostri competitori per la vetta. I ragazzi sono assolutamente determinati rispetto a questo obiettivo: giocheranno per vincere".   

Col Palestrina certo non sarà una passeggiata. Crede che il turno di riposo sia un vantaggio per la squadra di Fatello? 

"Sono perplesso. Forse una giornata di riposo a questa età può essere addirittura deleteria. È un'arma a doppio taglio, bisogna gestirla bene. Non credo che ne avranno un grande vantaggio, non determinante almeno. Noi comunque siamo al top - assicura il mister - Troveranno una partita dura. Inoltre abbiamo dalla nostra il fattore campo: il nostro lo conosciamo bene e potrebbe essere un'insidia per il Palestrina, abituato al sintetico".   


Top secret sulla strategia tecnica che verrà impiegata domani. Su questo mister Abbatini è inflessibile. Chissà che non abbia qualche sorpresa, un rimescolamento di carte dal quale salti fuori l'asso in grado di fermare un'altra pretendente per il primo posto. Intanto mister il tecnico bianco azzurro prepara la rifinitura di oggi con grande serenità e la certezza di una squadra che sembra attingere dalla vittoria ancor più fame e concentrazione.