Notizie
Categorie: Nazionali - Under 15

Kean è travolgente ma Costalunga acciuffa la Juve nel finale. Gabetta tradito da Goh mentre Franceschini si coccola un super Colarieti

La Juventus parte forte ma, dopo il vantaggio firmato nel primo tempo dal classe 2000, viene raggiunta nel finale con un gol del centrale biancoceleste



LAZIO

Rausa 6.5 Travolto dal bolide di Kean si rifà alla grandenella ripresa prima su Ndiaye e poi su Galtarossa

Spiezio 5 Ilsuo errato retropassaggio è un cioccolatino che Kean non tarda a scartare

De Angelis 5.5 Soffre la velocità degli esterni juventini,alla mezzora Goh lo grazia su un suo disimpegno da brividi

27’st Guidotti 6 Una manciata di minuti dove si dimostraattento e preciso

Colarieti 7 E’ il cervello della Lazio di Franceschini.Smista una quantità esorbitante di palloni e, nel finale, pennella la punizionesu cui arriva il pari biancoceleste.

39’st Mozzo s.v.

Costalunga, il migliore dei biancocelestiIL MIGLIORE Costalunga 7.5 Partita in crescendo con unsecondo tempo da autentico leader. La sua zuccata al fotofinish tiene accese lesperanze qualificazione dei suoi

33’st DeCosmi s.v.

Kokali 6 Meno brillante del compagno di reparto ma comunquenon demerita affatto

Spurio s.v. Era la freccia su cui Franceschini facevamaggiore affidamento peccato che si sia spuntata dopo appena dieci minuti perun fallaccio di Bianchi

14’pt Romani 6 Là davanti è il piu’ vivace ma gli mancasempre il guizzo giusto per far male

Frattesi 6 Da capitano vero è l’ultimo a mollare. Nel finaleperde un po’ di lucidità

Lavagna 5.5 Ci prova ma Zanandrea e Bianchi oggi non glilasciano nemmeno le briciole

15’st Svidercoschi 5.5 Si sbatte tanto ma la retroguardiabianconera è un muro invalicabile

Miceli 5.5 Si muove tra le linee dove Sapone gli lasciaparecchio spazio, peccato che non sempre lo sfrutti a dovere

10’st Ziello 5.5 Il suo ingresso rivitalizza l’attaccobiancoceleste. Nel finale cicca la palla del possibile pareggio

Mancini 5.5 Non riesce ad incidere costretto spesso aripiegare sulle incursioni di uno scatenato Merio

22’st Rubiano6 Si unisce al forcing finale)

ALLENATORE Franceschini 6.5 La sua Lazio ha qualcosa in menodella Juve, soprattutto dopo il ko di Spurio, ma non si spaventa e chiede aisuoi di giocare, sempre e comunque. Bravo ad infondere coraggio alla squadrache nel finale lo premia con il gol del pari


JUVENTUS

Dani 5.5 Un paio di rinvii da dimenticare e, sull’unica veraoccasione della Lazio, non sembra impeccabile

Guidoni 6 Dalla sua parte la Lazio non spinge, partitacomunque attenta e senza sbavature

29’st Sykaj s.v.

Tripaldelli 6.5 Macina chilometri sulla corsia di sinistradove delizia il pubblico con un paio di discese niente male

Zanandrea 7 Un autentico gigante. Assieme a Bianchi crea unamorsa che soffoca gli attaccanti biancocelesti Zanandrea, leader della difesa bianconera

Bianchi 6.5 Meno delicato rispetto a Zanandrea ma ilrisultato comunque non cambia

Ndiaye 6 Cresce nella ripresa dove colpisce un palo supunizione e costringe Rausa al miracolo. Meriterebbe un voto piu’ alto se nonfosse per i tanti errori in fase di impostazione

Mastropietro 5.5 Esterno sfuggente ma oggi non riesce apungere

12’st Galtarossa 6 Entra quando la squadra pensasoprattutto a difendere il vantaggio. Ordinato

Merio 6.5 Quando cambia passo là nel mezzo fa male. Cala nelfinale ma macina chilometri a piu’ non posso

29’st Bona s.v.

IL MIGLIORE Kean 7.5 Punisce la Lazio con un missile terra aria che siinsacca sotto la traversa. Tiene sotto scacco la difesa avversaria praticamenteda solo e, a guardarlo giocare, non ci si crede che sia soltanto un classe 2000

17’st Mancini 6 Un paio di sportellate e un paio di guizziper gridare presente a gran voce

Sapone 6 Sapiente regista davanti alla difesa dà fosforo alcentrocampo muscolare bianconero. Esce per infortunio

24’st Laneve 6 Si mette in mezzo al campo preoccupandosisoprattutto della quantità piu’ che della qualità

Goh 5 Mezzi fisici infiniti, peccato che non li sfrutti.Poche chiacchiere, giornata da dimenticare

ALLENATORE Gabetta 6 La sua Juve ha qualità e forza davendere peccato che non gli riesce a trasmettere l’istinto omicida propriodelle grandi squadre. Chissà quanto peseranno i due punti lasciati oggi perstrada

ARBITRO Agrò di Terni 6 Gara che si sviluppa in manierapiuttosto tranquilla, non deve faticare molto per tenere tutto sotto controllo