Notizie
Categorie: Giovanili - Juniores

L'Accademia Calcio Roma non fa prigionieri: 4-0 al Pomezia

Una doppietta di Ferrara e i gol di Luciani e De Bartolo fanno volare la formazione di Papotto



ACCADEMIA CALCIO ROMA  - POMEZIA 4-0
MARCATORI 7'st e 15'st A. Ferrara, 25'st Luciani, 40'st De Bartolo
ACCADEMIA CALCIO ROMA Peri, Ameli, Antenucci, Castorani (22'st Alessandrelli), Modesti (35'pt Pastorelli), Alaimo, Luciani (34'st Spallacci), De Bartolo, Guida (38'st Camilli), Gongora (30'st Pascucci), A. Ferrara PANCHINA Ciampini, Pascucci, Fiore ALLENATORE Papotto
POMEZIA Bergantino (3'st Vitali), Martinelli (20'st Vallesi), Papili, Pratelli (8'st Violetto), Amorielli, Ranucci, Martinelli (2'st Pacchiarotti), Mangale, Gagliardi, Barbarisi (26'st Cossu), Ferrara PANCHINA Groci, Prasti, Ceccon ALLENATORE Girelli
ARBITRO Fantozzi di Civitavecchia
NOTE Ammoniti Amorielli Rec. 2'pt – 2'st

Image titleVittoria netta e rotonda per l'Accademia Calcio Roma. Un successo arrivato attraverso il fraseggio e la volontà di gestire il pallone sempre e comunque. Una scelta non facile ma che ha permesso a Papotto e i suoi di schiacciare un Pomezia che, dopo il primo tempo, ha finito col rimanere intrappolato nella fitta rete di passaggi dei padroni di casa abili poi a sfruttare i cambi di ritmo dati dalle accelerazioni di un Antonio Ferrara oggi davvero incontenibile.

Ritmo. Il primo tempo finisce a reti bianche. L'Accademia Calcio Roma fa possesso palla, costruisce con convinzione e insistenza ma senza impensierire più di tanto il guardingo Pomezia. A mancare all'undici di Papotto è infatti il ritmo giusto per far davvero male agli avversari. Troppo lenta la manovra dei padroni di casa che infatti riesce a rendersi pericolosa soltanto attraverso un paio di calci d'angolo con Bergantino che sfodera parate da applausi. 

Prestito illustre. Il Pomezia di Girelli fatica a trovare il bandolo della matassa ma è comunque bravo ad organizzarsi in fase difensiva per poi aggrapparsi alle invenzioni di Barbarisi. Il numero dieci è un prestito di lusso dalla prima squadra, con allenatore e compagni che ne approfittano tramutandolo nel principale catalizzatore di gioco e occasioni. Prorpio dai piedi del fantasista classe novantasei arriveranno infatti le due principali occasioni per il Pomezia. La prima su un tiro dai venticinque metri che sfiorerà l'incrocio e la seconda, in chiusura di primo tempo, con una bella punizione dal limite che Peri è bravo a togliere da sotto la traversa.

Cambio passo. Nel secondo tempo la musica cambia. L'Accademia Calcio Roma sino ad ora si bella da vedere ma troppo lenta per sorprendere la difesa pometina, riuscirà a cambiare decisamente passo. A fare la differenza saranno le accelerazioni di Antonio Ferrara che diventerà una vera spina nel fianco per il Pomezia. Il numero undici dopo soli sei minuti sfiora il gol del secolo, partendo dalla propria trequarti palla al piede e, dopo aver saltato cinque avversari, arriva a tu per tu con Vitali ma apre troppo il destro con il pallone che sfiora il palo. Prove generali visto che un minuto più trdi lo stesso Ferrara sbloccherà il match con un colpo di punta in pieno stile futsal per poi ripetersi al quindicesimo, stavolta con un potente destro sotto la traversa. Il doppio svantaggio taglia le gambe al Pomezia che da qui in avanti crolla sotto i colpi dei padroni di casa. Al venticinquesimo sarà così Luciani a calare il tris prima che un guizzo dell'ex Fiorentina De Bartolo fissi il risultato sul 4-0 in favore di Papotto e i suoi ragazzi.