Notizie
Categorie: Calcio a 5 - C/5 Femminile

L'Acquedotto batte il Sinnai 1-4

Le capitoline sbancano il PalaGiotto con una grande prestazione e si aggiudicano l'andata degli ottavi di finale scudetto. Domenica prossima la sfida di ritorno. 




                                                                                                                     SINNAI - L'ACQUEDOTTO FEMMINILE 1-4 (1-1 p.t.) 

MARCATRICI 2' 13'' p.t. Ferreira Mendes (S), 19' 30'' Mogavero (L); 9' 08'' s.t. Rebe (L), 10' 09'', 18' 10'' Pomposelli (L)

SINNAI Neves Ribeiro, Ribeiro Gasparini, Guaime, Argento, Ferreira Mendes; Mereu, Pintor, Manca, Melis, Olla, Fanti, Bullita. All. Pitzalis. 

L'ACQUEDOTTO  Vecchione, Agnello, Pomposelli, Perez Pereira, Rebe; Cariani, Amici, Lulli, Benvenuto, Mogavero, Moroni, D'Angelo. 

ARBITRI Masia (Olbia), Doneddu (Nuoro). CRONO: Desogus (Cagliari).

Angela Vecchione (foto shefutsal)Con un bel 1-4 al Sinnai, L'Acquedotto torna a Roma e intravede lo striscione dei quarti di finale. Benvenuto e compagne espugnano il PalaGiotto con una prestazione di grande maturità. “Non è stata una partita semplice – racconta Angela Vecchione -. Il Sinnai è andato subito in vantaggio ed è stata dura recuperare. Ci siamo riuscite nella ripresa, ma non pensavamo di poter vincere così. Sapevamo che tutti ci davano come favorite, ma con il Sinnai partivamo alla pari, ce la do

vevamo giocare e così sarà anche al ritorno. Sicuramente abbiamo dimostrato una grande maturità. N

on so se lo scorso anno, oppure ad inizio stagione, una volta sotto 1-0 saremmo state capaci di vincere 1-4. Siamo cresciute sul piano mentale e anche sotto il profilo tecnico e tattico. Abbiamo preso coscienza che qualcosa di buono lo possiamo davvero fare”. Domenica si ripartirà con tre gol di vantaggio: “E' un buon tesoretto – prosegue il numero uno -, ma nel calcio a 5 è facile segnare e subire gol: non partiamo dallo 0-0, ma sarà comunque molto difficile. Giocheremo sul nostro campo, decisamente più grande di quello sardo e questo potrebbe essere vantaggioso per le nostre caratteristiche di gioco”. Proprio per questo motivo, prendere un solo gol a Sinnai, campo sul quale si può tirare con pericolosità appena passata la metà campo, è stato un mezzo capolavoro. Merito della fase difensiva e di una Vecchione che ha ormai raggiunto livelli di rendimento altissimi: “Siamo una squadra e dove non arriva una, arriva l'altra. Prendere un solo gol è stato ottimo. Psicologicamente stiamo bene e anche sul piano fisico siamo tornate a ranghi completi: il recupero di Benvenuto e Mogavero è un segnale molto positivo perché in queste partite c'è bisogno di tutti”.