Notizie
Categorie: Dilettanti - Eccellenza

L'Albalonga ipoteca la finale: 3-1 in casa del Villanova

La formazione di Di Loreto gioca alla pari fino al 22' della ripresa, quando viene espulso Vittorio Marini



VILLANOVA - ALBALONGA 1-3

MARCATORI
Monteforte 9’ pt (A), L. Marini 40’ pt (V), Di Ludovico 29’ st (A), Forcina 40’ st (A)

VILLANOVA Trinchera 6, Tavaniello 6 (15’ st Prodan 5.5), Togna 6, Petrella 6.5, Di Mauro 5.5, Ranieri 6, Ramceski 5.5, V. Marini 5, Camilli 7, Giampaolo 6.5 (24’ st Graziani 5.5), L. Marini 6.5 (33’ st Neroni sv) PANCHINA Balestri, Ugolini, Vitali, Petruccioli ALLENATORE Di Loreto

ALBALONGA Leacche 5.5, Micaloni 7, Cannoni 5.5, Amico 6, Panella 6.5 (27’ st Di Ludovico 7), Sandroni 6, Gamboni 6 (1’ st Scacchetti 5.5), Trinca 5.5 (10’ st Ramacci 6), Forcina 6.5, De Gennaro 6, Monteforte 7 PANCHINA Buccheri, Casu, D’Orazi, Cannillo ALLENATORE Gagliarducci

ARBITRO Merolli di Cassino, 5

ASSISTENTI Madeo e Mari di Roma 2

NOTE Espulso al 22’ st V. Marini (V) per gioco scorretto Ammoniti Gamboni, Micaloni, Ramacci, Di Gennaro, Petrella Angoli 2-4 Rec. 2’ pt, 4’ st

Forcina, autore del defintivo 1-3L’Albalonga espugna per 3-1 il Ferraris di Villanova nella semifinale di andata e ha un piede e mezzo all’ultimo atto della competizione. La formazione di Di Loreto, però, esce a testa alta, essendosi giocato il match alla pari nonostante le assenza pesanti per squalifica di Meloni, Santori e Dovidio, fino all’episodio decisivo, l’espulsione (forse eccessiva) di Vittorio Marini al 22’ della ripresa, che ha messo in discesa la gara per i castellani. Fondamentale anche il cambio fatto da Gagliarducci, che ha inserito Di Ludovico, che ci ha messo solo 2’ a ripagare la fiducia del tecnico siglando la rete dell’1-2. Decisamente insufficiente, infine, la direzione del signor Merolli di Cassino, che non è sembrato adeguato all’importanza dell’incontro.

Primo tempo. Parte bene l’Albalonga, che al 3’ ha la prima occasione con Trinca che recupera palla a centrocampo, serve Monteforte con Tavaniello che non riesce ad intercettare il passaggio, conclusione potente del numero undici che termina alta non di molto. Sei minuti dopo arriva il vantaggio dei castellani, che dimostrano tutta la loro grande qualità offensiva con una rete realizzata da uno scambio tra i tre suoi attaccanti: sponda di Forcina sulla destra per Gamboni, che mette una splendida palla in mezzo per Monteforte che deve solo appoggiare a rete. Nell’occasione proteste dei padroni di casa per un presunto fuorigioco. Ospiti ancora pericolosi al 20’ con una ripartenza di Panella, che libera con una gran palla Monteforte, la cui conclusione è respinta con i pugni da Trinchera. Due giri d’orologio e si vede finalmente il Villanova, con Ramceski che libera splendidamente Camilli in area, ma Amico è determinante ad anticipare la punta tiburtina. I padroni di casa prendono sicurezza e al 25’ è molto bella la conclusione di Ramceski, ma Leacche è vigile e mette in angolo. Sul corner successivo ci prova Giampaolo, il tiro è potente ma centrale. Ancora la formazione di Di Loreto avanti, con Camilli che si gira bene e da fuori calcia, senza trovare lo specchio. Si rivede l’Albalonga al 33’ con un rilancio di Leacche, la difesa del Villanova è scoperta, Gamboni in rovesciata serve Forcina, ma Tavaniello è bravissimo a impedire la conclusione al numero nove castellano. Poco dopo tiro cross di Lorenzo Marini che per poco non mette in difficoltà Leacche. Erroraccio di Ranieri al 36’, che serve un avversario facendo ripartire il contropiede, Forcina in palese fuorigioco anziché disinteressarsi della sfera per favorire l’accorrente Scacchetti va sul pallone e l’assistente Mari segnala giustamente il fuorigioco della punta. Al 40’ il pareggio del Villanova: lancio di Petrella per Camilli, che fa tutto bene girandosi e partendo sulla destra, cross perfetto per Lorenzo Marini che scavalca Leacche e Lorenzo Marini deve solo toccare in rete. Segna il numero undici, ma il gol è tutto merito di Jacopo Camilli. Si va al riposo sul risultato di 1-1.

Secondo tempo. Nella ripresa Gagliarducci inserisce Scacchetti al posto di Gamboni: l’esterno non stava giocando male, aveva anche servito a Monteforte l’assist per il vantaggio, ma forse era eccessivamente nervoso e si era anche fatto ammonire per un fallo di reazione nella prima frazione e in quell'intervento ha rischiato anche il rosso. Parte meglio il Villanova, che al 14’ ha una clamorosa occasione per passare in vantaggio: bravissimo Di Mauro a far ripartire l’azione sradicando la sfera ad un avversario, viene servito Giampaolo che ubriaca di finte Cannoni e tira, Leacche respinge, poi la sefra arriva a Lorenzo Marini che conclude a botta sicura, ma Amico salva sulla linea. Quattro giri d’orologio e Scacchetti innesca Forcina, che vince il duello con Di Mauro, entra in area, ma è provvidenziale il contrasto di Ranieri. Poco dopo ci prova da fuori Lorenzo Marini, ma la palla esce di poco. Al 22’ l’episodio che cambia la partita: intervento duro a centrocampo di Vittorio Marini su Scacchetti che il signor Merolli punisce con un rosso diretto forse eccessivo, anche se l’entrata del mediano è stata abbastanza plateale. I castellani approfittano con grande mestiere della superiorità numerica e al 29’ passano nuovamente in vantaggio: Di Mauro perde il duello fisico con Di Ludovico, entrato due minuti prima al posto di Panella, che entra in area dalla sinistra, e la sua palla in mezzo diventa una conclusione che colpisce il palo interno e si insacca alle spalle di Trinchera. Albalonga ancora pericolosa al 35’ con uno splendido velo di Forcina per Scacchetti che arriva sul fondo, palla a rimorchio che non trova nessun compagno pronto a battere a rete. La formazione di gagliarducci cala il tris al 40’ e grande merito è di Micaloni sulla destra, che scappa e suggerisce un pallone al bacio per Forcina che mette dentro senza difficoltà. L’ultimo episodio del match al 46’, con un contrasto sospetto in area tiburtina tra Prodan e Micaloni, ma il direttore di gara lascia correre.

Al triplice fischio finale può festeggiare l’Albalonga, che ipoteca la finale. Al Villanova servirà un mezzo miracolo per ribaltare questo risultato, ma nel calcio mai dire mai…