Notizie
Categorie: Dilettanti - Promozione

L'Almas supera di misura il Città di Minturnomarina e vola in Eccellenza: decide la rete di Liotti nel recupero

I biancoverdi di Santececca tornano in Eccellenza grazie a questo successo, mentre il team di Pernice dovrà sperare in ulteriori ripescaggi



Pernice, tecnico del Città di Minturnomarina

MARCATORI Liotti 51’st (A)

ALMAS ROMA Pensa 6, Bertini 6, Capasso 6, Crocetti 6, D’Elia 6, Novelli 6, Colasanti Flavio 5.5, Valentini 6.5, Guidi 5.5, Cortani 6 (35’st Liotti 7), Di Cicco 6.5 PANCHINA Fara, Rossi, Ricciardi, Proia, Ciccalotti, Bendia, ALLENATORE Santececca

CITTA’ DI MINTURNOMARINA Cenerelli Daniele 6.5, Conte Antonio 6 (45’st Miloni sv), Vezza 6, Graziano 6 (25’st Tucciarone 6), Cenerelli Stefano 6, Uva 5, Di Luna 6, Cicala 6, Calabrese 6 (14’st Nodiello 6), Martino 6, Pirolozzi 6 PANCHINA Gaetani, Pernice Aniello, Messina, Di Marco ALLENATORE Pernice

ARBITRO Badiali di Albano Laziale, voto 5

ASSISTENTI Scopa di Frosinone, Contessa di Rieti

NOTE Espulso al 28’st Uva (CM) per doppia ammonizione. Ammoniti Valentini, Vezza, Stefano Cenerelli. Angoli 4-3. Rec. 2’pt – 8’st.


L’Almas Roma supera solo nel recupero il Città di Minturnomarina, in dieci dal 28’ della ripresa, e vola in Eccellenza grazie alla rete di Liotti al 51’.


Le formazioni

Santececca schiera i suoi con un malleabile 4-2-3-1. Guidi gioca come punta, supportato da terzini e trequartisti esterni estremamente mobili e offensivi. Più tradizionalista Pernice, con il suo affidabile 4-4-2, che vede Calabrese e Martino ad attaccare.


Primo tempo

Il match impiega un quarto d’ora ad accendersi. Al 16’ Valentini conquista una punizione sui venticinque metri, Di Cicco la trasforma in un tiro velenoso che solo grazie alla prontezza di Cenerelli non frutta l’1-0. Al 18’ un cross col contagiri di Di Cicco pesca sul vertice opposto Guidi, che si coordina e trafigge Cenerelli con una rovesciata da stropicciarsi gli occhi; ma l’arbitro non convalida per la segnalazione di off side del suo collaboratore. Al 25’ Valentini vede Flavio Colasanti, smarcato e in posizione regolare, e lo serve con un lungo lancio dalla sinistra, ma l’esterno non ragiona e il suo tiro (per modo di dire) di prima intenzione è un passaggio a Cenerelli, che ringrazia. Decisamente un’ottima occasione sciupata per l’Almas. Ora però il match è vivace, i ritmi sono buoni, nonostante una temperatura abbondantemente sopra i trenta gradi al Comunale di Fiuggi.


Secondo tempo

È al 16’ la prima opportunità della ripresa, e passa per i piedi del rossoblu Martino, in contropiede: l’attaccante prova ad addomesticare la sfera che, giunta troppo in profondità, termina fra le braccia di Pensa. Le squadre ora si allungano, come l’ombra della fatica tra i ventidue in campo, che sembrano alla ricerca dell’episodio più che del gioco costruito. Al 28’ Il Minturnomarina resta in dieci uomini per l’espulsione di Uva, che subisce il doppio giallo. Ma l’Almas fa fatica ad approfittarne, nonostante una pressione abbastanza costante sulla metà campo avversaria. I rossoblu non si demoralizzano e al 33’ il tiro teso di Cicala sfiora la traversa e ricorda ai capitolini che la superiorità numerica non basterà ad aver ragione del fortino avversario. Quattro minuti dopo arriva la replica dell’omologo bianco verde: una conclusione fotocopia che sfila alta di un soffio. Dal 40’ il match si fa concitato. A cinque minuti dal 90’ Valentini tira: traversa; poi Liotti ribadisce a rete ma da fuorigioco. Al 43’ scambio Liotti – Valentini, poi palla in verticale per Guidi che realizza, ma ancora in off side. I tempi supplementari sembrano sempre più vicini ma, al 51’, arriva l’episodio che dà un finale diverso alla partita: punizione dall’out mancino, la palla sfila in mischia dove Cenerelli non blocca e Liotti, con un tocco di fino, insacca il gol partita, dopo tre reti annullate per fuorigioco e novantuno minuti giocati sempre in bilico. Ancora due minuti di passione poi la festa dell’Almas neopromossa può cominciare.