Notizie

L'Ara Pacis a colori, repliche nelle serate di venerdì e sabato fino al 7 settembre

Grande successo dell’iniziativa che ha richiamato circa 700 visitatori in appena tre ore nella sera del 19 agosto



Image titleIl Museo dell’Ara Pacis sarà eccezionalmente aperto ogni venerdì e sabato, dalle 21 alle 24, fino al 7 settembre, per permettere a turisti e romani di assistere, con un unico biglietto, sia alla proiezione dei I Colori dell’Ara, che alla mostra L’arte del comando. L’eredità di Augusto. Il 19 agosto sono stati duemila anni esatti dal giorno – 19 agosto del 14 dopo Cristo – in cui Augusto, fondatore dell’impero e pater patriae, spirò a Nola. I colori proposti nella ricostruzione I Colori dell’Ara non sono quelli che il monumento aveva all’epoca, che nessuno conosce con certezza, ma una loro attendibile ricostruzione ottenuta con luce proiettata. Il marmo dell’Ara Pacis e dei suoi bassorilievi viene dunque investito da luce colorata, sia sul lato occidentale (pannelli di Enea e del Lupercale), che su quello orientale (pannelli della Tellus e grande fregio vegetale). I colori sono quelli ipotizzati negli scorsi anni dal gruppo di studio nato con l’allestimento del museo, testati approntando un modello tridimensionale dell’altare e applicandovi il colore secondo stretti criteri filologici e storico-stilistici (maturati dopo analisi di laboratorio e ricerche sull’uso del colore nell’architettura romana). La ricostruzione è dunque fondata e verosimile ma, precisa la direzione del museo, l’intento non è far vedere l’Ara Pacis “com’era” ma restituire un aspetto con buona probabilità prossimo all’originale. Si tratta, potremmo dire, di un “restauro propositivo virtuale”. Dopo il grande successo registrato la sera del 19 agosto dall’iniziativa che ha richiamato circa 700 visitatori in appena tre ore per ammirare lo spettacolo dell’Ara Pacis a colori - ha annunciato il sindaco Ignazio Marino - abbiamo deciso, in accordo con l’assessore alla cultura Giovanna Marinelli, di replicare l’evento e dare così l’opportunità al maggior numero possibile di persone di vivere un’esperienza artistica emozionante. Sarà possibile inoltre acquistare il biglietto intero per i due eventi anche online".  "Una scelta, quella dell’amministrazione capitolina – continua il sindaco - che mira a rafforzare l’offerta culturale di una città che vanta ricchezze artistiche senza paragoni. Un patrimonio storico e artistico inestimabile che stiamo valorizzando con iniziative innovative, come quella promossa all’Ara Pacis, o ancora come lo spettacolo Augusto 2000 anni dopo, che ogni sera da aprile fa registrare una straordinaria adesione di pubblico”.