Notizie

L'Assessore Esposito: "Notizia di imminenti aumenti tariffe ATAC è destituita di qualunque fondamento"

La ricetta del Senatore Dem punta invece sulla lotta alla evasione, nuove vetture e bigliettai a bordo.



Del bilancio dell’ATAC e dei perché relativi alla attuale situazione di crisi della azienda di trasporti capitolini, abbiamo parlato ieri. Fra le ipotesi per il risanamento della stessa – future e/o futuribili – c’era anche quella proposta dal Direttore Generale di ATAC, Francesco Micheli che in una intervista rilasciata al Corriere della Sera, spiegava come il prezzo di 1,50€ per biglietto è basso, ma soprattutto che “se non facciamo una manovra sulle tariffe il bilancio soffrirà sempre” A smentire una futuro aumento delle tariffe è arrivata, oggi, la nota dell’Assessore ai Trasporti Stefano Esposito che replicando alle molte voci diffusesi dopo l’intervista al DG di Via Prenestina ha precisato: “Leggo notizie relative ad imminenti aumenti tariffe ATAC: la notizia è destituita di qualunque fondamento”.  


Il neo Assessore ai Trasporti Stefano Esposito
Le prime azioni. Da quando si è insediato in Campidoglio il Senatore Dem ha proposto una serie di riforme sulla viabilità romana che mirano a sanare una situazione trasporti che a Roma è al limite della funzionalità. Fra queste quella di riportare i bigliettai a bordo delle vetture individuando, durante il Giubileo, 15 linee sulle quali fare partire la sperimentazione. Non solo. Perché grazie ad un accordo con la Regione Lazio, sono arrivati nelle case romane, circa 640 milioni di euro che saranno investiti interamente nel trasporto pubblico locale. Una nuova iniezione di liquidità che permetterà – tra l’altro – di “rimettere in moto la gara per i nuovi bus”, passaggio fondamentale per garantire la mobilità e l’efficienza del servizio pubblico cittadino.