Notizie
Categorie: Calcio a 5 - C/5 Giovanili

L'Olimpus batte Il Ponte e conquista l'Elite

Decisivi i tempi supplementari per determinare il salto di categoria. In gol nel match decisivo Cecchini (doppietta) e Di Mario (tripletta)



Festa negli spogliatoiCon la vittoria di ieri su Il Ponte, l’Olimpus si porta in Elite. Al termine di una partita molto fisica, decisa solo ai supplementari (5-4 dts, doppietta di Cecchini e tripletta di Di Mario), la formazione guidata da Antonio Iovine si è aggiudicata l’accesso diretto alla prestigiosa categoria. Discorso rimandato, almeno per il momento, per la Juniores della Società di Roma nord: arrivata seconda al triangolare dei playoff, dovrà attendere giugno e capire se ci saranno le possibilità di “salire”. “Sono molto soddisfatto dei risultati ottenuti da tutto il settore giovanile, ancor più da queste formazioni – ha dichiarato Alessandro Angelucci, Responsabile dell’Area agonistica – sono fiero dei Giovanissimi, che nella prossima stagione rappresenteranno il calcio a 5 di Roma nord nell’Elite laziale. Colgo l’occasione per ringraziare tutti i ragazzi della rosa, lo staff tecnico e dirigenziale per l’importante obiettivo raggiunto. Per la Juniores aspettiamo un po’… incrociamo le dita e vediamo che succede. Sicuramente, anche la formazione guidata da Velazquez e Luzi ha qualità importanti, qualità da Elite”. Alle parole di Angelucci si uniscono quelle di Antonio Iovine che non ha dubbi sull’importanza dell’obiettivo raggiunto: “Ce lo siamo guadagnato e meritato. Abbiamo raggiunto un traguardo che, ad inizio stagione, non ci aspettavamo. La squadra ha giocato 23 partite, di cui 18 vittore e 5 sconfitte; 3 di queste ultime le abbiamo maturate nelle prime 4 giornate di campionato. Da ottobre in poi, la squadra ha disputato partite importanti, alcune delle quali in emergenza, come quella di ieri, viste le tante assenze. Prendiamo questo traguardo non come un punto d’arrivo ma come un punto di partenza. Secondo me, questo gruppo può portare all’Olimpus molte soddisfazioni nel prossimo futuro. Mi unisco ad Alessandro Angelucci, rivolgendo i miei personali ringraziamenti a Giulia Lisi, mio secondo e preparatore della squadra, Lorenzo Leopardo, preparatore dei portieri, e ai nostri due dirigenti, Giovanni Palange e Silvano Rocchi”.