Notizie

L'Ostia Mare rimonta il Savio allo scadere con Chinapah

Match ricco di emozioni in via Norma: padroni di casa in vantaggio due volte con Persichini e Rambaldo, ma prima Cabella e poi l'esterno d'attacco ristabiliscono la parità



SAVIO-OSTIAMARE              2-2 

MARCATORI 19’pt rig. Persichini (S); 30’st Cabella (O); 35’st Rambaldo (S); 41’st Chinapah (O) 

SAVIO Cesaretti 6 (1’st Galantini s.v.), Cococcia 6, Frabotta 6.5 (1’st Varrenti 6), Santi Amantini 6.5, Notarnicola 5, Martino 7, Landolfi 6 (35’pt Varrenti 6), Di Bella 6.5, Currier 6.5 (4’st Lauri 6), Cancelli 6 (1’st Ranalletta 6.5), Persichini 7 (15’st Pochesci 5.5; 34’st Rambaldo 6.5). ALLENATORE Cavezzi

OSTIA MARE Vicchi 6, Belardelli 6, Mambrini 5.5 (1’st Pizzi 5.5), Modanesi 5.5, Laudicino 6 (13’st Bizzaglia 6), Carrera 6, Dolor Kurt 6.5, Cabella 7 (41’st Tornatore s.v.), Russo 6, Morra 6.5 (33’st Cerra 6), Chinapah 7. PANCHINA Varamo, Forchino, Benenati. ALLENATORE Ranese 7.5 

ARBITRO Igliozzi di Roma2 6 

NOTE Espulsi Notarnicola (S) al 29’pt per somma di ammonizioni; Galantini (S) al 2’st per blasfemia; Chinapah (O) a fine partita per comportamento non regolamentare. Allontanato dalla panchina il tecnico Ranese (O) al 40’st per proteste Ammoniti Laudicino, Cancelli, Carrera, Chinapah. Rec. 2’pt; 4’st

Ostia Mare, un bel pareggio © photosportroma.itIl campionato degli Allievi Fascia B, quest’anno dedicato ai ’99, comincia letteralmente con il botto a Via Norma, dove Savio ed Ostia Mare hanno chiuso la partita sul risultato finale di 2-2, al termine di un match davvero scoppiettante e nel quale è accaduto veramente di tutto. A bocce ferme, probabilmente a recriminare di più sono i lidensi che trovatisi in doppia superiorità numerica, hanno rimediato solo un punto con la zampata vincente di Chinapah a tempo oramai scaduto. Dal punto di vista del club caro al Presidente Fiorentini, invece, l’amarezza rappresentata dall’aver visto sfuggire una vittoria proprio ad un passo dal gong, é mitigata dal fatto di aver fatto una grandissima prestazione nonostante le molteplici difficoltà presentatisi in corso d’opera. Quella dei bleus è una compagine fortemente rinnovata e dunque ha bisogno di un po’ più di tempo per assimilare i dettami tecnici di un tecnico come l’ex centrale di centrocampo del Cagliari Gianni Cavezzi, che proviene dall’ottimo lavoro svolto in quel di Via Vaj con il Montespaccato in queste ultime stagioni.

I biancoviola, malgrado assenze di prestigio come quella del bomber Mirante, hanno sicuramente dalla loro il vantaggio di essere una squadra sicuramente più collaudata rispetto ai romani prenestini e questo in campo si nota fin dalle battute iniziali, ma la formazione di Ranese non riesce tuttavia a trovare spazi per impensierire i Bleus, ottimamente schierati in campo da Cavezzi, che anzi riescono a sbloccare il punteggio per primi al 19’, grazie all’ottima incursione in area di rigore di Currier, atterrato da Modanesi. Dagli undici metri Persichini mantiene la freddezza necessaria per superare Vicchi e fissare il parziale sull’1-0. Episodio da moviola in area romana al 24’, con le vibranti proteste da parte dei lidensi per un possibile contatto falloso tra l’estremo difensore di casa ed un calciatore ostiense, ma l’arbitro ha fatto proseguire. La partita cambia volto al 29’, quando Igliozzi espelle dal campo Notarnicola per doppia ammonizione; questo episodio inevitabilmente cambia il volto alla gara, ma il Savio resiste ottimamente alle avanzate biancoviola e chiude il primo tempo in vantaggio, malgrado alcuni tentativi di battuta a rete da parte degli ospiti, risoltisi in un nulla di fatto. In avvio di ripresa, il neo entrato Galantini respinge prontamente in corner una conclusione avversaria, salvo poi prendersela con un compagno. L’arbitro scambia tale incitamento per una bestemmia e costringe l’ex Vigor Perconti alla doccia anticipata: clamoroso al “Vianello”, verrebbe da dire, sta di fatto che la squadra di Cavezzi resta in nove contro undici. In porta va Martino, che portiere non è ma che si disimpegna abbastanza agevolmente, almeno fino al 30’ quando Cabella pesca il jolly dal limite dell’area e fissa il punteggio sull’1-1. Passano però soltanto cinque minuti ed il Savio mette di nuovo la freccia, grazie al neo entrato Rambaldo, che in contropiede ed in volata solitaria verso la porta di Vicchi, supera l’estremo difensore lidense con un delizioso tocco di piatto. Incontenibile la gioia di tutta la squadra di Via Norma, che corre ad abbracciare e sommergere letteralmente l’autore di una rete importantissima. La gioia per il 2-1 acquisito dura poco, perché al primo dei quattro minuti di recupero (pochi istanti dopo l’allontanamento dalla panchina di Ranese per protesta riguardo alla decisione dell’arbitro inerente ai minuti di recupero, ndr), Chinapah trova l’angolino giusto per fissare il punteggio sul definitivo 2-2, con il quale si chiudono le ostilità. Al rientro nella zona spogliatoi accade ancora qualcosa ed a farne le spese è colui che ha salvato Ranese dal ko, ovvero Chinapah, espulso a gara terminata.

In sede di commento finale, possiamo affermare quanto segue: al Savio dunque non basta la grinta di Cavezzi ed il tanto cuore messo in campo per conquistare la vittoria nel giorno dell’esordio sulla panchina di Via Norma (e di fatto all’esordio ufficiale in Elite) dello stesso ex calciatore professionista, che ha “ceduto” il suo n°5 a Daniele Conti alla fine della sua esperienza isolana. Ma questa squadra ha ampi margini di miglioramento e sicuramente darà molto fastidio a tutte le squadre che affronterà. D’altro canto, probabilmente la compagine lidense avrebbe potuto e dovuto sfruttare meglio la doppia superiorità numerica (che a conti fatti diventa triplice, dal momento che gli avversari hanno giocato sostanzialmente in otto contro undici, ndr), cercando di creare maggiori presupposti per andare a rete. Ma per entrambe era la prima di campionato e quindi è davvero impossibile fornire giudizi o dare spazio alle recriminazioni.