Notizie
Categorie: Giovanili - Allievi

L'Ostiamare cade al Marescotti: al Ladispoli basta la rete di Indino

Una magia del capitano rossoblu regala la vittoria alla squadra di Marinelli, che continua a stupire



LADISPOLI - OSTIAMARE 1-0 
MARCATORI Indino 15'pt (L)
LADISPOLI Ceccucci 6, Indino6.5, Barone 6.5, Barbato 6 (9'st Calabresi 6), Spagnoletti 6.5,Veneziale 6.5, Battaiotto 6, Cesarini 6, Chesne 6, Flores 7.5 (27'stSoccorsi), Spina 6.5 PANCHINA Stricchiola, Bonfigli, DiGiorgio, Simi, Palmigiani ALLENATORE Marinelli
OSTIAMARE Micucci 6, Melucci 6,Bove 6 (14'st Treccarichi 6.5), Antonacci 6, Paklacki 6.5, Calveri 6(37'st Di Maio sv), Gaggini 6 (6'st Spano 6), Sargolini 6 (27' stPaternoster 6), Muzi 6 (23'st Amico 6), Ferrari 6, Proietti 6.5(32'st De Angelis) PANCHINA Fedele, Borlone ALLENATORE Patanella
ARBITRO Menna di Roma 1, voto 7
NOTE Ammoniti Flores, Ferrari,Ceccucci, Calveri, Melucci. Angoli 2-2. Rec. 1'pt -4'st.

Vince il Ladispoli, che raccoglie tre punti preziosissimi sul terreno amico del Marescotti, contro un'Ostiamare non certo nella sua giornata migliore. I limiti bianco viola però non ridimensionano la prestazione dei padroni di casa, autori di una gara di qualità, mettendo in campo un buon gioco e grande maturità.

Image titlePrimo tempo Gioco abbastanza frammentato nei primi minuti, comunque acceso e godibile. Sorprendente il Ladispoli, che riesce a passare appena al quarto d'ora. Punizione dal lato cortomancino per i locals, al 15': va Indino alla battuta. Micucci,ingannato dalla traiettoria della palla e confuso dalla barriera, non è impeccabile e si fa superare dalla sfera che entra fissando il vantaggio rossoblu. Ma è presto per cantare vittoria, soprattutto con un ospite come l'Ostia Mare. Il Ladispoli lo sa bene e la squadra resta concentrata e compatta. Al 18' Calveri va di testa sul corner di Proietti, non inquadrando per poco lo specchio, dimostrando così quanto il match resti aperto a qualsiasi risultato. Fase di prolungato possesso palla per gli ospiti attorno alla mezz'ora. Il Ladispoli interpreta bene il momento in chiave difensiva. Sono pochiperò i tiri in porta davvero insidiosi, da parte di entrambe, fattoinsolito per una gara di tale importanza sulla carta. Molte punizionivengono fischiate dal signor Menna di Roma uno; occasioni non sfruttate a dovere, da una parte e dall'altra.

Secondo tempo Bellissima palla di Flores per Chesne al 5': il numero nove rossoblu prova in due occasioni a superare ladiga lidense, poi, disturbato dalla difesa, calcia malamente unapalla che sfila abbondantemente a lato. Il Ladispoli però c'è evuole blindare i tre punti. Al 9' Marinelli gioca la carta Calabresi.Anche Patanella ha buone carte da giocare: al 14' il tecnico rinforza la sua difesa con Treccarichi, subito pronto e in partita. Buona, al19', la traiettoria della punizione di Proietti dall'out, ma il tiroè poco potente e Ceccucci ha modo di intercettare e neutralizzare ilpericolo. Nel complesso la ripresa si rivela abbastanza deludente. Ilgioco continua a essere frammentato, poco fluido. Non si contano icalci piazzati. Inoltre non convince l'Ostia Mare, certamente ascartamento ridotto visto quanto mostrato in campo per riacciuffareil risultato. Il Ladispoli fa il suo, ben felice di gestire ilvantaggio senza doversi impegnare fino all'esaurimento. I padroni dicasa inoltre continuano a pungere, manco a dirlo, proprio coi calcipiazzati; punizioni velenose che Micucci, senza rischiare troppo,respinge efficacemente coi pugni. L'ultima occasione è degli ospiti,su punizione dall'out: Melucci scodella in area dove in due ciccanol'impatto di testa con la sfera e quindi la rete del pareggio sul secondo palo. Poco dopo, il triplice fischio mette fine alle ostilitàe dà inizio alla festa del Ladispoli per una vittoria meritata.