Notizie
Categorie: Giovanili - Giovanissimi - Allievi

L'Urbetevere fa il pieno di vittorie: ok Giovanissimi e Allievi

Doppio poker per le compagini rossoblu: Ripa e Brunelli battono Ottavia e Atletico Fidene



Image titleIniziano i campionati Elite ed inizia anche parte della stagione in casa Urbetevere. In attesa della partenza delle gare della Juniores e dei due campionati Fascia B, sono scesi in campo i classe '99 e i classe '01. Gli Allievi Elite di mister Ripa hanno battuto l’Ottavia con un perentorio 4-1. I gialloblu hanno messo sin da subito in chiaro le cose andando a segno al primo minuto con Troiani e raddoppiando al 4' con Saltalamacchia. Gli ospiti hanno reagito trovando il 2-1, ma Putrino e Butò hanno ribadito la volontà dell'Urbetevere di portare a casa l'intera posta in palio. Oltre al risultato i gialloblu sono riusciti anche ad esprimere un bel gioco. Sicuramente un bel segnale. Stesso discorso per il collettivo classe 2001 guidato da Alessandro Brunelli. Nell’esordio stagionale i Giovanissimi Elite trionfano 0-4 sul campo dell’Atletico Fidene, superando la compagine avversaria senza troppi problemi. Risultato secondo pronostico, al termine di una partita in cui si è vista la squadra devastante dell’anno scorso: sugli scudi Nuzzo, autore di una doppietta, poi marcano anche Orsili e Malorni. Queste le parole del tecnico Brunelli: “E’ andato tutto bene, abbiamo fatto una buona prestazione. La squadra ha avuto subito l’atteggiamento giusto, è stata aggressiva ed ha immediatamente indirizzato la partita dalla sua parte. Poi abbiamo creato tantissime occasioni, quindi sono soddisfatto della prestazione”. Durante il pre campionato i gialloblu erano apparsi un po’ imballati, ma questa prestazione fuga ogni dubbio: “A differenza delle partite nel Bini” continua Brunelli “abbiamo fatto molto meglio. Abbiamo cambiato molti giocatori, ci serviva tempo per far quadrare le cose. Ci sono ancora cose da fare, ma piano piano troveremo l’amalgama giusta. Col Fidene abbiamo espresso un buon gioco, in più abbiamo diversi giocatori fermi ai box, quindi ci sono davvero ampi margini di miglioramento”.