Notizie

L'Urbetevere gioca meglio contro una brutta Lazio, ma il big match termina 0-0

Si chiude senza reti la sfida tra le due capolista, ma hanno convinto di più i padroni di casa



4a Giornata - 25 ott 2014
0 - 0

URBETEVERE Marchini 6, Ghazoini 6.5, Rossi 6.5, Chilà 6.5, Appetecchia 6, Orsili 7, Gavrila 7, Canestrelli 6.5, Serafini 5.5 (24’st Di Ponti sv), Califano 6.5, Pepe 6 (34’st Malorni sv) PANCHINA Lori, Seri, Orano, Cerri, Evangelista ALLENATORE Brunelli 

LAZIO Cirillo 6.5, Petricca 5.5, Ventucci 5 (30’pt Vespa 6), De Angelis 6, Mengoni 6.5, Armini 5.5, Fonzo 5.5 (10’st Scaffidi 5.5), Putti 6, Napolitano 6.5 (34’st Attia sv), Marzi 5.5 (1’st Siclari 6), Cerbara 6 (26’st Di Fazio sv) PANCHINA Noto, Nicodemo ALLENATORE Zuccarini 

ARBITRO Moretti di Roma 1, 6 

NOTE Ammoniti Gavrila, Chilà, Fonzo, Scaffidi. Espulso al 33’st Armini (L) per proteste. Angoli 4-0. Rec. 2’pt – 3’st.  

Pareggio per l'UrbetevereIl big match della quarta giornata che vedeva contrapposte le due capolista Urbetevere e Lazio non va oltre lo zero a zero: occasione sprecata per i padroni di casa che sicuramente meritavano la vittoria avendo giocato praticamente per settanta minuti nella metà campo avversaria, brutta invece la performance biancoceleste, con i ragazzi di Zuccarini senza idee e sempre in balia degli avversari, apparsi quest’oggi più tonici e determinati. Pochi istanti dopo il fischio d’inizio del direttore di gara Gavrila dopo una serie di batti e ribatti calcia in porta dal limite ma Cirillo blocca a terra, gli ospiti invece rispondono sessanta secondi più con Napolitano, la cui girata su un cross dalla destra termina a lato. I padroni di casa premono forte sull’acceleratore mettendo in costante difficoltà la retroguardia avversaria, specialmente Gavrila risulta essere una vera spina nel fianco per la difesa biancoceleste con le sue volate lungo la corsia di destra. Al 24’ proprio il numero sette dei canarini si libera di un difensore all’altezza della linea di fondo ed effettua un cross, arriva dalle retrovie Canestrelli che si coordina perfettamente e calcia al volo e la palla si stampa sull’incrocio dei pali. Si chiude quindi a reti inviolate un primo tempo chiaramente di marca Urbetevere. Nella ripresa dopo un buon avvio degli ospiti il copione torna lo stesso: padroni di casa ad attaccare a pieno organico e Lazio tutta in difesa ad affidarsi soltanto ai lunghi lanci di Armini. Al quarto d’ora Gavrila dalla destra tenta di servire al centro Serafini che sotto porta è anticipato all’ultimo momento da un difensore, mentre tre minuti dopo sempre Serafini riceve una lunga rimessa laterale e di testa indisturbato non trova clamorosamente lo specchio della porta. La compagine di Brunelli spinge alla ricerca del goal, ed al 21’ ci prova Califano con un tiro a giro dal limite sul quale Cirillo non ha troppi problemi. Verso il finale di gara la spinta dell’Urbetevere un po’ si affievolisce, gli ospiti al 33’ rimangono in inferiorità numerica per l’espulsione di Armini ma ormai non c’è più tempo: la gara termina zero a zero, un punto a testa alle due squadre ma l’Urbetevere però deve mangiarsi le mani.