Notizie
Categorie: Giovanili - Giovanissimi

L'Urbetevere strapazza il Rieti e resta in scia al Savio

La formazione di Barba spezza l'equilibrio a fine primo tempo e dilaga nella ripresa. Sblocca D'Angeli, poi doppietta di Bartolotta e lampo di De Marchis



11a Giornata - 30 nov 2014
4 - 0

MARCATORI D'Angeli 32' pt, Bartolotta 3' st, 9' st rig., De Marchis 18' st 

URBETEVERE Colagrossi 6, Monaldi 7, Sbrozzi 6 (1' st Chirilenco 6.5) Mezzetti 6 (15' st Ferretti 6), Limelo 6, Mengoni 6.5, Meloni 6 (13' st Gavrila 6.5) 6.5, Campo 7 (19' st Santarelli 6), Di Giovanni 6.5 (13' st Zappalà6.5 ), Bartolotta 7 (17' st Parventi 6.5), De Marchis 7 PANCHINA Carolis ALLENATORE Lillo 

RIETI Gentile 5.5, Saccenti 5 (15' st Gerini 5.5), Carnassale 6, Comodi 6.5, Colasanti 5.5, Ciaccia 5 (13' st Fosso 5.5), Iacoangeli 5 (19' st Pizzoli 6), Rossi 5.5 (18' st Fabiani 6), D'Angeli 6 (19' st Furlani 5.5), Basilici 6.5, Liberali 6 (24' st Almeida sv) ALLENATORE Esposito ALLENATORE Pezzotti 

ARBITRO Fontana di Roma 1, 6 

NOTE Ammoniti De Marchis, Colasanti, Ferretti Angoli 7-0 Fuorigioco 2-0 Rec. 0' pt, 0' st

Urbetevere, netto successo © photosportroma.itL'Urbetevere supera il Rieti come da pronostico con una prestazione di grande intensità. Troppa la differenza tra le due formazioni, gli ospiti che resistono quasi un tempo ma non riescono a mantenere i ritmi dei primi minuti. con i gialloblu che alla distanza trovano i varchi giusti dopo aver sprecato tanto nella prima parte di gara. Un successo importante, che permette alla formazione di Lillo di restare incollata al Savio capolista distante solo una lunghezza.

I padroni di casa, come da copione, provano a prendere immeditamente in mano il comando delle operazioni e vanno vicini al gol dopo appena due minuti. Calcio d'angolo dalla destra sul primo palo, Mengoni stacca di testa ma Gentile riesce in qualche modo a deviare sul fondo. La rete la trovano al 7', ma Bartolotta al momento di depositare in porta un tiro sporco di Di Giovanni, è in fuorigioco. L'Urbe spinge e all'8' ha già collezionato un'altra chance. Bella iniziativa sulla destra di Mengoni, cross basso che la difesa respinge sui piedi di Meloni ma il tiro di prima del numero otto scheggia il palo e termina sul fondo. Nei minuti successivi il Rieti prova ad alleggerire la pressione alzando il baricentro e mantenendo la linea difensiva più alta, ma la formazione di Lillo non allenta la presa e al 15' Mezzetti, con una bella girata al volo, coglie il secondo legno di giornata. Gli amaratocelesti si fanno vedere per la prima volta due minuti più tardi, con D'Angeli che lavora un buon pallone al limite e trova lo spazio per liberare il destro, che comunque termina a lato. Un lampo seguito immediatamente da una nuova occasione di marca locale. Monaldi semina il panico sulla sua corsia di competenza, ma Bartolotta non trova l'impatto giusto con il pallone ad un metro dalla porta favorendo il recupero dei difensori avversari. Il gol del vantaggio, meritato, arriva a pochi istanti dalla fine proprio quando il Rieti sembrava soffrire meno. Su un lancio dalle retrovie Ciaccia anziché rinviare invita all'uscita Gentile, ma così facendo favorisce l'inserimento di D'Angeli che con un bel pallonetto firma l'1-0. Gli ospiti tentano la reazione immediata, Liberali ci prova da fuori allo scadere ma Colagrossi non ha difficoltà a bloccare la sfera.

Ad inizio ripresa l'Urbetevere mette subito pressione e stavolta bastano pochi minuti per trovare il gol del raddoppio. Giocata illuminante di Campo che scucchiaia per Bartolotta, gran sinistro al volo sul secondo palo e per Gentile non c'è nulla da fare. Un vero e proprio gioiellino quello del numero dieci, che si ripete al 9'. Entrata scomposta di Colasanti proprio su Bartolotta e calcio di rigore calciato perfettamente dall'ex Futbolclub, con Gentile che intuisce ma riesce solo a sfiorare. Il match di fatto finisce qui, con l'Urbe che trova il poker al 18', quando de Marchis azzecca il tempo giusto per deviare di testa un corner dalla sinistra. Le sostituzioni rallentano il ritmo del match ma non impediscono a Lillo e i suoi di sfiorare più volte la quinta rete. Parventi ci prova in due occasioni, prima sparando alto da due passi, poi sfiorando il palo con un bel sinistro su punizione, mentre pochi minuti dopo è Gentili ad opporsi in bello stile sulla conslusione da fuori di Gavrila. Poco male, perché il risultato è già in cassaforte e senza minuti di recupero il direttore di gara fischia la fine di un match praticamente a senso unico. L'Urbe vince, l'inseguimento continua.