Notizie

La Capitolina brilla in Belgio: vinto il torneo internazionale di Mouscron

La prima squadra ottiene il successo finale, mentre l'Under 21 chiude con un positivo terzo posto



Soddisfazione Capitolina A pochi giorni dall'inizio della preparazione atletica, la Capitolina Marconi è volata in Belgio per disputare il “Trofeo Yzerbyt” all'interno dell'organizzazione della giornata del Fair Play. Impegnate sul campo sia l'Under 21, che la prima squadra. Per la spedizione giallonera prime risposte confortanti e tante soddisfazioni, prima fra tutte la vittoria del torneo con la Serie B; figura alla grande anche l'Under 21 che chiude al terzo posto. 

Come detto, la prima squadra fa davvero la voce grossa. Nel primo match liquida l'Halle Gooik, formazione belga nella quale milita una vecchia conoscenza del futsal italiano, quel Felipe Manfroi visto nel nostro paese con le maglie di Lazio e Martina. A dirla tutta, però, il giorno precedente alla sfida con i gialloneri, il Gooik aveva giocato – e perso – la Supercoppa belga contro l'Anversa. Al “Trofeo Yzerbyt”, contro la Capitolina, scendono in campo le seconde linee, con Angelini&co. che si impongono 5-0 grazie alla doppietta di De Cicco e alle reti di Leonaldi, Alleva e Cutrupi. 

Il secondo match rappresenta un vero e proprio capolavoro. Di fronte al fortissimo Douai Gayant, team francese che in rosa può contare sulla bellezza di ben sette brasiliani, i gialloneri sfoderano una super prestazione e si impongono 2-1 con i gol di Leonaldi e Petrucci. Gara equilibrata sino alla fine, con un rigore allo scadere neutralizzato da Mazzuca.

La squadra romana approda così alla finale, opposta allo Charleroi. Anche questa formazione, di grande livello, mette alle corde il team di Minicucci. La gara non si sblocca mai e viene decisa dai calci di rigore. Per la Capitolina vanno a segno Angelini, Reali e Leonaldi, ma è ancora Mazzuca il protagonista numero uno: il portiere sventa l'ultimo penalty belga e dà il via alla festa.

La società ringrazia la Squadra Mouscron, nelle persone di Giuseppe Morando e Adriano Greco, per la disponibilità dimostrata e la splendida ospitalità.