Notizie

La Commissione Ambiente del II municipio incontra il responsabile Ama per il territorio

Continua a crescere il problema della raccolta dei rifiuti, l'istituzione municipale promette un periodico coordinamento con i cittadini



Rifiuti nel II Municipio foto©GazzettaRegionaleGià da qualche tempo i cittadini del secondo municipio, sostenuti dai diversi comitati di quartiere, avevano lamentato grosse lacune da parte dell'Ama in quello che sarebbe dovuto essere il normale servizio della municipalizzata. Il ritiro dell'immondizia, la pulizia delle strade sembrano, a tutt'oggi, servizi straordinari. Quello dei rifiuti purtroppo, è un problema che attanaglia molte zone della capitale. Come sappiamo la chiusura della discarica di Malagrotta, seppur rappresenti un'importante conquista ambientale, comporta e comporterà disagi ai cittadini e alla Città. Non tutti i quartieri di Roma contemplano ancora la raccolta differenziata per gli scarti alimentari e questo è un altro elemento di discontinuità per l'attività dell'Azienda Municipale Ambiente della Capitale. Raccolta differenziata a 360° che rientra, certo non in breve, negli obiettivi e forse, negli obblighi, del comune di Roma. Nell'anno 2014 altri municipi come l'attuale quarto, ex quinto, hanno iniziato la raccolta dell'umido e la differenziata "porta a porta" nei grandi condomini. Questo ha necessitato l'impiego di un maggior numero di personale. Personale che, come alcuni consiglieri di opposizione dello stesso secondo municipio avevano reso noto, sono stati acquisiti da altri quartieri, primo fra tutti proprio il secondo. A confermarlo stamattina è stato il responsabile per Ama del Municipio Roma II, dott. Lotti. Insediatosi in questo nuovo ruolo solo da due settimane, il dott. Lotti si è mostrato subito disponibile a riferire in Commissione Ambiente Roma II dove, proprio stamane, ha risposto alle numerose domande dei consiglieri e dei cittadini, chiarendo dubbi e perplessità. Prima di tutto è stato confermato il dirottamento di gran parte del personale Ama, dal secondo municipio verso quei quartieri dove è iniziata la raccolta differenziata. Questo a giustificazione della scarsa manutenzione che un territorio così vasto, è costretto a subire. Manutenzione che, come sottolinea il dott. Lotti, viste le scarse risorse, avviene prima di tutto e soprattutto sulle vie principali, penalizzando vie secondarie costrette, secondo quanto riportato dai cittadini, a versare in un perpetrato stato di abbandono. Molte le problematiche emerse nell'incontro di oggi a via Goito, tutte purtroppo di non facile soluzione. Il dott. Lotti ci ha spiegato che anche la ricollocazione di un secchione nello spazio ad esso dedicato, comporta delle difficoltà, contrariamente a quello che si possa pensare. Il secondo municipio, seppur dotato di quattro quartier generali dell'Ama: via Dire Daua con competenza sul quartiere africano, via Martignano con competenza su Salario, Coppedè, Regina Margherita, via Matilde di Canossa per piazza Bologna e San Lorenzo e Campi Sportivi, con la sottozona di Guido Reni, per la zona del Flaminio-Villaggio Olimpico, non è ancora autosufficiente. Molte macchine, come proprio quella per il riposizionamento dei cassoni, devono arrivare da Rocca Cencia e, capiamo bene, la tempistica esula dall'immediatezza. Lo smaltimento delle foglie per questa stagione, ad esempio, è stata affidata a una cooperativa proprio per venire incontro all'emergenza autunnale. Il problema dello spazzamento, proprio  da quanto emerso nella commissione odierna, è parso l'argomento di maggior interesse e riguardo, sia dell'amministrazione municipale che della cittadinanza stessa. Entrambe le parti infatti, hanno chiesto se è possibile avere una regolamentazione, un piano stabilito per la pulizia delle diverse strade del quartiere. In tutta onestà il dott. Lotti ha fatto presente l'impossibilità, almeno per il momento, di fornire questo servizio di regolamentazione/ informazione, proprio a causa delle defezioni illustrate. Se nel prossimo contratto dei servizi potrà essere inserita una calendarizzazione dello spazzamento, per ora, non è dato sapere. "Oggi il municipio- afferma il dott. Lotti, - si muove con le poche risorse che ha. In futuro si vedrà." A questo proposito i cittadini e i comitati di quartiere si sono dimostrati disponibili a lavorare a quattro mani con Ama per tutelare il proprio territorio con iniziative, come quelle di Retake ed altre. Per la prima volta, differentemente da quanto accaduto nelle precedenti consiliature, Ama si è dimostrata favorevole, ovviamente tramite un lavoro di coordinamento politico che dovrà passare attraverso la Commissione Ambiente. Il suo presidente, Valerio Casini, ha sottolineato l'importanza di utilizzare questo organo per raccogliere e filtrare le istanze dei cittadini, allo scopo di trarre vantaggio dal lavoro di interlocuzione e riuscire a indirizzare Ama verso le reali emergenze del municipio, evitando un dispersione di risorse e un rallentamento nella soluzione dei problemi. Proprio per questo è previsto, per la prossima settimana, un nuovo incontro della Commissione con i cittadini, al fine di raccogliere le varie segnalazioni e iniziare a lavorare in questa direzione.