Notizie

La famiglia Ielasi: "Non abbiamo mai chiesto nulla alla Tor Tre Teste"

Riceviamo e pubblichiamo la lettera dei genitori di Roberto: "Abbiamo già contribuito sufficientemente a far sì che il Memorial si svolgesse"



Image titleRiceviamo e pubblichiamo la lettera della famiglia Ielasi che vuole chiudere la querelle con la Nuova Tor Tre Teste per la sospensione del Memorial dedicato al figlio Roberto.

"Questa vuol essere l'unica ed ultima riflessione su ciò che è accaduto tra la mia famiglia e la Nuova Tor Tre Teste. Il 18/11/2014, ho appreso dai social network che il nome del torneo dedicato a mio figlio Roberto è stato sostituito da un altro nome.

Il rispetto ed il dolore per una perdita, lo comprendiamo e rispettiamo, nonostante non sia lo stesso dagli altri verso il nostro dolore! La nostra reazione alla notizia è stata: sconcerto, delusione, rabbia, incredulità e, cosa più grave, dolore! Tutto questo, non perché il torneo non sarà più a nome di Roby, bensì perché la Nuova Tor Tre Teste non ci ha informato sul fatto.

La nostra reazione è stata la lettera del nostro avvocato, la quale è rimasta privata con la speranza che la Nuova Tor Tre Teste si decidesse a chiamarci. NESSUNA RISPOSTA. Ho atteso, prima di renderla pubblica, la fine del torneo per non far sì che la notizia arrecasse qualsivoglia disturbo ad esso.

In fondo al cuore, nutrivamo la speranza che la Nuova Tor Tre Teste ci contattasse per chiarire confrontando le nostre e le loro ragioni.Tutto ciò non è avvenuto e, nonostante per noi fosse una sofferenza, è stato un obbligo verso il ricordo di Roberto!

La nostra famiglia non ha mai preteso o chiesto di ricordare nostro figlio con un torneo e nemmeno di chiamare il centro con il suo nome. Ne siamo stati onorati ed orgogliosi!

Non abbiamo mai ritenuto che fosse un obbligo perpetuare il torneo con il suo nome da parte della Nuova Tor Tre Teste. L'obbligo che, a parer nostro, la Nuova Tor Tre Teste avrebbe dovuto avere era soltanto quello di informarci.

In quanto alle rimostranze di Alessio Di Bisceglia, riguardo al fatto che, nell'aiutarlo, hanno tutti fatto orecchie da mercante, ci siamo anche noi, però sempre a parer nostro, abbiamo già contribuito sufficientemente a far sì che il Memorial si svolgesse! Oppure non è sufficiente che mio figlio non ci sia più perché stava andando a giocare per la società Nuova Tor Tre Teste?

Il motivo per il quale non passiamo mai al campo, è perché il farlo ci provoca una sofferenza immensa. Andare in quel campo e non vedere la gioia ed il sorriso di Roberto ci fa male!
Un abbraccio immenso a tutti da parte nostra! Anche a chi non comprende le nostre ragioni."

La Famiglia Ielasi