Notizie
Categorie: Calcio a 5 - C/5 Regionali

La Forte Colleferro a raffica sul Vicovaro

La formazione lepina travolge il fanalino di coda e si conferma in testa alla classifica



VICOVARO - FORTE COLLEFERRO 2-18


MARCATORI
 Forte Colleferro: Forte (5), Mosti, Hamazawa (4), Felici (3), Navarra (2), Graziani, Merlo, TettiVicovaro: Macchioni, Febbi
VICOVARO Schiavetti, Tatti, Moltoni, Macchioni, Febbi, Fanelli DIRIGENTE Daniele Zugaro

FORTE COLLEFERRO Tantari, Archilletti, Forte S.,Felici , Mosti, Hamazawa, Navarra, Ronzoni ,Alteri, Graziani, Merlo, Tetti ALLENATORE Paolo Forte

Mister Paolo ForteE’ un bel pomeriggio di primavera quello che accoglie i ragazzi di Paolo Forte tra il paesaggio mozzafiato delle montagne e l’aria frizzante di Vicovaro. In campo il confronto “testacoda”. Prima e ultima in classifica si affrontano nella ventiseiesima giornata di campionato.Due filosofie, un solo amore: il Futsal. Una squadra organizzata e una società all’avanguardia da una parte, un gruppo di amici che, pur essendo indiscutibilmente la “cenerentola” del Girone F, ha sempre dimostrato di scendere in campo con l’entusiasmo di chi legge il calcio a cinque come un modo sano di vivere un sabato pomeriggio di sport, dall’altra.


Primo tempo. La Forte schiera al fischio d’inizio Stefano “Capitan” Forte, Lorenzo “veleno” Tetti, “Bomberino” Navarra, Riohei Hamazawa, che passa dal casareccio “Giappa” al più esotico “Ninjia”, ed infine Jacopo Tantari  in difesa della porta. Uomini contati per il Vicovaro che, oltre a dover affrontare una squadra giovane, allenata e veloce, si trova a fare i conti anche con la panchina extracorta, con un solo uomo a disposizione per far tirare il fiato allo starting five. Il copione è scontato: Forte  a fare la partita e Vicovaro a cercare di arginare le manovre dei colleferrini. Servono alla Forte 4 minuti per scardinare la porta di Antonio Schiavetti, portiere, classe 1965 ma entusiasmo degno di un ragazzino agli esordi. E’ “Ninjia Hamazawa che rompe gli indugi e porta in vantaggio i suoi. Tre minuti dopo è Capitan Forte che apre la caccia al titolo di capocannoniere del Girone F, con la prima delle sue cinque reti di giornata. Passano ancora 7 minuti e al 14’ è l’altro Stefano, Felici, che da il terzo dispiacere a Schiavetti. Mister Forte regala minutaggio agli under in panchina e Mosti e Merlo mettono la firma sulle reti numero quattro e cinque. Il Vicovaro, però, non è intenzionato a sventolare in anticipo la bandiera bianca e un bel diagonale del pivot di casa, Francesco Febbi supera Jacopo Tantari e fissa il risultato del primo tempo sul 5 a 1 per gli ospiti. 


Secondo tempo. Forte striglia i suoi nell’intervallo e chiede più concentrazione e rispetto degli schemi. Si ricomincia ed è solo Forte! I leoni di Colleferro divorano gli avversari con un fuoco di fila devastante che non lascia spazio neppure ad una lontana ipotesi di reazione da parte dei padroni di casa. Sono tredici le reti della Forte nella ripresa. A segno Teitti al 2’, due volte Stefano Forte ( 4’ e 5’ ), Hamazawa ( 6’ ), Felici (8’), ancora due volte Stefano ( 13’ e 14’ ) e Hamazawa (15’). Stefano Felici ( 16’) e “Ciccio” Graziani (21’) mettono la firma sui gol numero quattordici e quindici, prima del secondo break del Vicovaro che accorcia con Macchioni al minuto 24. Calcio di Rigore per la Forte. Il Mister indica Stefano Forte per la battuta, ma il Capitano, che con un’altra rete avrebbe raggiunto Sancamillo in testa alla classifica dei marcatori, cede l’onere del tiro a Fabio Navarra che, finalmente, riesce a battere Schiavetti che, fino a quel momento, aveva negato, con tutta una serie di brillanti interventi, la gioia del gol al numero nove biancazzurro. Dai sei metri Fabio non sbaglia ed è 16 a 2. Hamazawa e lo stesso Navarra chiudono definitivamente la pratica Vicovaro sul punteggio finale di 18 a 2.


Commento. Sul risultato c’è veramente poco da commentare. Il divario in campo è talmente evidente che nonostante il massiccio utilizzo degli Under da parte di Mister Forte (bentornato Cristiano “Zikky” Archilletti!), l’esito della gara non è mai stato, neppure lontanamente, in dubbio. Su quello che si è visto sul fronte Fair Play, invece, c’è molto da dire e, fortunatamente, tutte cose belle, a partire dal duello tutto personale tra “bomberino” Navarra e l’estremo difensore avversario, Antonio Schiavetti, ventisette anni di differenza tra i due. Il numero uno di casa si è prodigato, volando da un palo all’altro, per impedire al pivot di Forte di segnare il proprio nome sul tabellino dei marcatori di giornata. C’è voluto solo un calcio di rigore a due minuti dalla fine per decretare il vincitore della sfida che, a fine gara, si è meritato l’abbraccio sincero del più “datato” avversario. E poi, il bel gesto di Stefano Forte, che ha ceduto ai compagni Graziani e Navarra i due tiri dal dischetto. Ma anche questa è la Forte: rispetto per gli avversari, considerazione per i compagni e impegno e voglia di vincere dal primo all’ultimo minuto, con le maglie grondanti di sudore e i volti stravolti dalla fatica. Mancano quattro gare alla fine, quattro difficilissime battaglie. Ma i Leoni di Colleferro sono pronti e determinati ad arrivare fino in fondo.