Notizie
Categorie: Calcio a 5 - C/5 Regionali

La Forte Colleferro cade contro la Vis Subiaco

La capolista di mister Paolo Forte cede 4-2: inutili le reti di Forte e Mosti



VIS SUBIACO - FORTE COLLEFERRO 4-2

MARCATORI Forte (F), Mosti (F), Di Vincenzo (V), Micozzi (V), Di Martino (V), Mecci (V)

VIS SUBIACO Cecconi, Drrassati, Proietti, Di Vincenzo, Sbraga, Di Martino, Mecozzi, Tantari, Mecci, Valentini, Martelli, De Santis. 

FORTE COLLEFERRO Tantari, Alteri, Fedele, Forte S., Vena , Mosti, Hamazawa, Navarra, Cappella , Parenti, Graziani, Tetti ALLENATORE Forte 

La capolista Forte Colleferro cade sul campo della Vis SubiacoLa Forte sale a Subiaco nel big match della ventiquattresima giornata senza Luis Nica e priva, all’ultimo momento anche di Parenti, indisponibile, e Salvatore Merlo infortunato. Bellissima la cornice di pubblico, appassionato e corretto, che offre una coreografia come poche se ne vedono sui campi della Serie D.   


Primo tempo. Mister Forte schiera ad inizio gara Tantari tra i pali, Stefano Forte in regia, Navarra terminale offensivo e Hamazawa e “Ciccio” Graziani sui lati. E’ la Forte che fa la gara, con il solito possesso palla asfissiante e il movimento continuo dei giocatori che non offrono punti di riferimento agli avversari. Il Subiaco attende i leoni pronto a colpire in ripartenza. La migliore disposizione tattica dei colleferrini e la buona forma di Graziani e Navarra, che sputano sangue dal primo all’ultimo secondo, si concretizza con il solito Stefano Forte che a metà tempo “buca” l’ottimo Gabriele Cecconi con un bolide dalla distanza. Forte in vantaggio che crea ma non riesce a concretizzare, sia per le attente risposte del portiere sublacense, sicuramente tra i migliori in campo, sia per imprecisione degli attaccanti colleferrini e sia, bisogna dirlo, per un pizzico di sfortuna. E ad una manciata di secondi dalla fine della prima frazione, il Subiaco pareggia. Un tiro dalla distanza di Simone di Vincenzo trova l’angolino alla sinistra di Tantari e porta le due squadre negli spogliatoi sul risultato di parità.

Secondo tempo. La seconda parte della gara è un vero e proprio thriller sportivo! La Forte continua a macinare gioco e i padroni di casa si affidano al gioco sul pivot Danilo Mecci con lanci lunghi da parte del portiere. Paolo Forte da fiducia alla linea verde e Giorgio Mosti non lo delude. Su una perfetto taglio sul secondo palo, Giorgio in scivolata la mette in rete riportando in vantaggio gli ospiti. Il Subiaco si innervosisce e già del 10’ raggiunge il quinto fallo. Gara quindi in discesa per i lepini che sul risultato di 2 a 1 e quando mancano 6’ al termine si vedono concedere, nel giro di quattro minuti, ben tre tiri liberi a favore e la possibilità di chiudere la gara. Ma prima Vena due volte e poi Hamazawa sprecano la favorevolissima occasione spedendo fuori. E, come accade spesso nello sport, rete mancata rete subita. Un tiro dalla destra degli attaccanti in maglia gialla destinato a perdersi sul fondo, trova il braccio dell’incolpevole Fedele e finisce alle spalle di Jacopo Tantari dando il pareggio ai padroni di casa. E negli ultimi secondi la beffa. Su un batti e ribatti in area colleferrina, è il capitano Filippo Micozzi che trova la zampata vincente e corre ad esultare sotto la curva. La quarta rete la Forte la prende su una palla rubata dagli avversari sul gioco del portiere. C’è ancora tempo per l’ultimo libero, ma capitan Forte spreca l’occasione di incrementare il suo ragguardevole bottino personale e rimane a “quota 36”.


Il commento. Da una parte rimane l’amarezza di aver gettato al vento una gara che, nonostante l’indiscusso valore degli avversari, si era messa nel migliore dei modi per i ragazzi di Forte, che hanno sprecato incredibilmente ben tre match point. Dall’altra, la consapevolezza di avere tutte le armi a disposizione per continuare una marcia in campionato, sicuramente da oggi meno facile, ma altrettanto sicuramente alla portata dei giocatori lepini. Al termine della partita, Paolo Forte fa i complimenti ai ragazzi per l’impegno e la qualità del gioco espresso e esprime la soddisfazione e l’orgoglio di avere a disposizione un gruppo che, non dimentichiamolo, ha ad oggi una età media inferiore ai 20 anni! La crescita di giocatori come Mario Graziani, Fabio Navarra e Giorgio Mosti, oggi protagonisti di una gara maiuscola, era, ed è , uno degli obiettivi del tecnico di Colleferro, ad oggi pienamente centrato. E’ altrettanto vero che, da oggi, è assolutamente vietato sbagliare e i ragazzi di Forte sanno benissimo che l’obiettivo finale passa dai loro piedi e dalla loro consapevolezza di essere un gruppo più forte di tutto quello che accade sul capo e non solo.