Notizie
Categorie: Calcio a 5 - C/5 Regionali

La Forte Colleferro travolge anche il Gap

Il team lepino si impone con un perentorio 12-1. Poker di Stefano Forte che sale a quota 35 centri in campionato



GAP - FORTE COLLEFERRO 1-12


MARCATORI
 Nica (2), Hamazawa, Mosti, Tetti, Alteri, Forte (4), Merlo (2) Carrarini (G)

FORTE COLLEFERRO Tantari, Alteri, Fedele, Forte S., Vena , Mosti, Hamazawa, Navarra , Nica, Merlo, Parenti, Tetti; ALLENATORE Forte

GAP Bonomo, Mercaldo, Di Vincenzo, Ubertini R., Caruso, Carrarini, Brunozzi, Ubertini F., Mottola ALLENATORE Pomposelli


La Forte Colleferro, capolista solitaria del girone FLa Forte scende a Roma, nella splendida cornice dell’Appio Claudio, per incontrare il GAP, formazione che ricopre posizioni modeste di classifica ma che, a detta delle cronache, ha sempre onorato lo sport, rendendosi protagonista di gare in cui l’impegno e la volontà non sono mai venute a mancare. E’ la classica gara dal risultato sulla carta acquisito ma che, proprio per questo, ricca di insidie soprattutto se affrontata con sufficienza e poca concentrazione. All’andata la spuntarono i ragazzi di Forte per 10 a 0. Per i colleferrini indisponibile Mario Graziani e recuperato, dopo il turno di squalifica, “Bomberino” Navarra.   


Primo tempo. Formazione iniziale con Tetti, Nica, Forte, Hamazawa e Tantari tra i pali. Partita subito in discesa per la Forte, con Lorenzo Tetti assoluto protagonista nei primi tre minuti. L’ex Lazio sblocca il risultato al 2’ minuto con un bel diagonale non trattenuto dal portiere romano e, un minuto dopo, ferma sulla linea di porta il tiro a colpo sicuro del pivot avversario con Tantari ormai fuori causa. Da un possibile pareggio dei padroni di casa all’ipoteca sulla gara da parte dei lepini. In sei minuti, dal 3’ al 9’ una micidiale tripletta firmata da Luis Nica e per due volte da Stefano Forte, chiude virtualmente la partita. Il GAP è ben imbrigliato nella ragnatela di Forte e non trova modo e maniera di impensierire un concentratissimo, come sempre, Jacopo Tantari. Ed è ancora Stefano Forte che a metà della frazione di gioco, va ancora a segno per la sua terza marcatura di giornata. Girandola di sostituzioni con Paolo Forte che concede opportunità e minutaggio a tutta la panchina e usa Nica solo per pochissimi minuti. Unico episodio degno di nota, il palo colpito da Lorenzo Tetti al 25’ che avrebbe meritato miglior fortuna, soprattutto per la bellezza dell’azione corale che ha portato al tiro il numero 4 lepino. Primo tempo che si chiude quindi sul 5 a 0 per gli ospiti.  

Secondo tempo. La musica non cambia nella ripresa , dopo un assestamento iniziale di qualche minuto, dove i padroni di casa cercano di mettere in pratica i preziosi consigli che Mister Pomposelli elargisce dall’esterno del terreno di gioco, la Forte affonda. In sei minuti la gara è archiviata. Inizia Merlo al 7’ Poi Hamazawa, Nica, ancora Merlo, Mosti, il festeggiato Fabrizio Alteri (che oggi compie 22 anni), con sei reti in 9’ che stendono definitivamente il GAP. Nella seconda metà del tempo non cambia praticamente nulla e trovano spazio i giovanissimi Parenti e Vena e tutto il resto dei giocatori convocati. Poi è ancora Stefano Forte che relaizza il suo poker di giornata e il GAP che trova la rete della bandiera con un tiro libero dal limite dell’area che il bravo capitan trasforma a un minuto dalla fine, fissando il risultato sul punteggio di 1 a 12 per la capolista. 


Il commento. Unica curiosità la direzione di gara. Severissimo il direttore di gioco che ha fischiato tutto il fischiabile e, forse anche qualcosina di più, tanto che i giocatori delle due squadre, indistintamente, hanno dato prova di grande fair play “correggendo” alcune sue decisioni, restituendo più volte la palla all’avversario tra gli applausi dei presenti. Se invece la lettura si limitasse ai puri numeri, vedremmo che in tutti e due i tempi si è arrivati al quinto fallo per la Forte con tanto di tiro libero, peraltro realizzato, per i padroni di casa allo scadere del secondo tempo. In più l’arbitro ha estratto perfino il cartellino giallo per un fallo, considerato dai più veniale, commesso da Bomberino Navarra. Ma va bene così. La Serie D deve essere una palestra di crescita anche per i giovani che si apprestano ad iniziare la carriera arbitrale e, forse, occorrerebbe che le società stesse avessero più comprensione per gli errori delle giacchette nere che, come tutti, hanno bisogno di tempo e di ambienti sportivamente sereni come quello di oggi pomeriggio, per acquisire quella sicurezza e quella personalità da sfoggiare poi in gare più complesse e in categorie più impegnative. Per quanto riguarda la gara vera e propria, c’è veramente poco da dire. Un buon allenamento per la Forte, in vista del rush finale che da Sabato prossimo, sul difficile campo di Subiaco, con la Vis ancora in corsa per un posto di prestigio, non concederà più distrazioni alla squadra diretta da Paolo Forte. Il vantaggio in classifica sulle dirette inseguitrici non è tale da considerarsi incolmabile e per i lepini non è possibile concedersi passi falsi che rischierebbero di pregiudicare l’ottimo lavoro fin qui svolto da tutto lo staff del Palaromboli. Ma è anche vero che, a sette giornate dalla fine e con almeno sei punti virtuali sulla seconda, il destino sportivo di questa stagione è solo e unicamente nelle mani ( o nei piedi ) dei ragazzi dell’allenatore di Colleferro.