Notizie
Categorie: Calcio a 5 - C/5 Nazionali

La Futsal Isola non vuole più fermarsi: terza vittoria consecutiva per gli oranje

La formazione aeroportuale supera l'Eraclea 7-4 e prosegue il suo momento positivo allontanandosi dalla zona calda della classifica



Moreira, autore di una doppietta (Foto © Futsal Isola)Dalle stalle alle stelle. Tre partite per far ricredere tutti e scacciare via i gufi. Nove punti. Augusta, Torrino ed Eraclea messe in fila. Posto con vista play off prenotato. Play out distanti cinque punti. L’A2 alla settima di andata comincia a essere meno avara. Venti giorni per curare le ferite e tornare a volare. Venti giorni per dire al campionato: l’Isola c’è. Salinis sembra distante una vita. È tutta un’altra Isola. Contro l’Eraclea è uno sballo. Roba da stropicciarsi gli occhi. La Banda Sannino gioca con la fame di chi non mangia da mesi. Indemoniata: pressa, corre, morde le caviglie. Mai pigra quando c’è da difendere e tenere stretto il risultato. Cinica quando c’è da mettere il break e chiuderla. Bella come non mai. Dieci punti tondi tondi. Zona rossa lontana parente. Sabato a Catanzaro la prova di maturità: vincere significherebbe mettere un altro mezzo piede in quel sogno che si chiama salvezza.


La partita. L’Isola è un bollettino di guerra. Arribas, Patrizi e Bonanno sono out. Milani e Zoppo fuori per squalifica. Senza cinque pedine Sannino non ha scelte. La rosa è ridotta all’osso. Basile va in porta. Luiz, Emer, Marchetti e Moreira nel quintetto iniziale. Mongelli, Lutta, Djelveh, Yoshi, Mazzuca e Zuddas il resto della truppa. Eraclea con Taibi, Zancanaro, Rispoli, Tamburrano, Dartizio, Gerardi, Dipinto, Bavaresco, Persiani, Bello, Amendolara e Bassani. Si gioca sul “neutro” del ToLive per l’indisponibilità del PalaFersini. Il pubblico però accorre lo stesso. C’è un tifo pazzesco. L’Isola inizia meglio. Gli ospiti girano tanto palla. La Banda Sannino ci prova con rapidi blitz in ripartenza. La prima occasione è dei padroni di casa. Bomba di Luiz: palla che sfiora il palo. Moreira calcia alta una bellissima palla di Emer. Basile ci mette una pezza su Bavaresco che già esulta. I primi nove e mezzo passano così con lo zero a zero verniciato sul tabellone. La svolta si chiama Yoshi. Il giapponesimo arrivato in estate e ancora al palo per beghe di transfert fa in tempo a mettere piede in campo che cambia il match: spunto sulla sinistra, tiraccio che impegna Taibi. Il portierone di casa non trattiene, Moreira s’avventa come un falco e mette dentro: 1-0. È il minuto 9.20. Dieci secondi e l’Isola raddoppia: Luiz serve Emer che centra il jolly. Due a zero. La Bada Sannino gioca come avesse il fuoco dentro. E in trenta secondi cala il tris con Moreira bravo a mettere dentro un’altra respinta corta di Taibi. Otto e cinquanta alla sirenza: Djelveh dopo una bella azione serve Luiz che coglie il palo. Venti secondi e l’italo-iraniano si ripete, stavolta la palla è per Lutta che di testa beffa ancora Taibi. Quattro a zero. Il portierone di casa, temuto come la peste per il suo tiro a mille all’ora da fuori si conferma una cartaccia e mette dentro un golasso che beffa un Basile sempre attento. L’Isola però vola. Dieci secondi e Marchetti fa venire giù il ToLive. Il laterale Oranje mette il turbo sulla sinistra e con il destro incrocia un tiraccio che si infila sotto il sette. Gol da sballo: 5-1. Tempo per Bassani di fare 5-2 con un tiro da fuori che passa sotto mille gambe e per Taibi di tenere il risultato ancora aperto parando con il viso un tir di Marchetti su assist di Yoshi.


Secondo tempo. L’Eraclea dopo aver provato il portiere di movimento per gran parte del primo tempo accentua la tattica ma rischia la frittatona al secondo e spiccioli: Moreira intercetta e calcia a palombella, la palla finisce sul palo. Un minuto e Dipinto riapre il match: 5-3. La partita è bella e vibrante. Tutte e due le squadre giocano per vincere. Luiz è bravo a intercettare una palla e ‘purgare’ gli ospiti tutti in avanti con il portiere di movimento: 6-3 a 15.50 dalla fine. Basile è miracoloso due volte su Rispoli e Dipinto che a tu per tu si infrangono sul portierino di casa. Dove non c’arriva SuperBaso c’è Djelveh che toglie la palla dalla rete respingendola sulla linea. L’Isola soffre, l’Eraclea le prova tutte per riaprire il match. Zancanaro a 3.10 dal termine fa venire un mammatrone al ToLive per l’occasione colorato di arancioverde. Emer calcia fuori un cioccolatino di Lutta. Chiude Yoshi: palla al giapponesino che s’aggiusta la sfera e beffa Taibi. Isola in festa. Sette a quattro finale. Ora la classifica ha tutto un altro sapore.