Notizie
Categorie: Giovanili - Allievi

La grinta di Luca Ripa: "Noi siamo l'Urbetevere!"

Il tecnico dei '99 analizza il nuovo gruppo: "Il giusto mix tra tecnica e fisicità"



Luca Ripa“Sarà un campionato difficile, ma noi siamo l’Urbetevere”. In queste settimane ha lavorato a fari spenti. Ha osservato molto e parlato poco. Adesso però si inizia a fare sul serio e Luca Ripa, mister dei ’99 del club di via della Pisana, è pronto per questa nuova sfida: “Ogni campionato presenta le sue difficoltà. Siamo consapevoli che questa sarà una stagione molto importante e proveremo a dare il massimo”. Tante novità in formazione per i gialloblu, privi di alcuni elementi volati nel professionismo. Luca Ripa però assicura che "la società ha lavorato in maniera importante per sopperire ad alcune partenze e la rosa è pronta ad iniziare questo percorso”. Squadra fisica, quella dello scorso anno, che faceva dell’intensità un suo punto di forza. Caratteristiche simili anche per la prossima stagione? “Abbiamo mantenuto una squadra fisica – continua il tecnico - ma forse abbiamo un po’ più di qualità rispetto allo scorso anno. Dobbiamo trovare il giusto mix tra le due cose”. Test importante, quindi, sarà quello del Torneo Superga, che il 31 aprirà le porte ad alcune delle migliori squadre d’elite della nostra regione: “Sarà una manifestazione importante e noi non vogliamo sfigurare. E’ ovvio, tuttavia, che queste occasioni servono perlopiù per il rodaggio, per risolvere gli ultimi dubbi di formazione, quindi non cambierò i piani di lavoro per arrivare a tutti i costi brillante a questo appuntamento. Daremo il meglio, lotteremo per la maglia, come sempre”. Infine, tornando al campionato, abbiamo chiesto a Luca Ripa se c’è una squadra da battere: “Difficile dirlo. Probabilmente sarà l’Ostiamare, visto le grandi cose che è riuscita a fare lo scorso anno. Poi, dai, è giusto mettergli un po’ di pressione (ride ndr). A parte gli scherzi, noi rispettiamo sempre tutte le compagini.  In tutto questo però vogliamo dire la nostra, vogliamo essere protagonisti come ogni gruppo dell’Urbetevere dovrebbe fare. Staremo a vedere”.