Notizie
Categorie: Calcio a 5 - C/5 Nazionali

La Lazio Calcio a 5 ufficializza anche l'innesto di Federico Molitierno

La società biancoceleste chiude per l'ex portiere de L'Acquedotto: "Per me si tratta di un grande salto"



Federico Molitierno (Foto © Cantarelli/S.S. Lazio calcio a 5)La S.S. Lazio Calcio a 5 annuncia di aver formalizzato l'acquisizione delle prestazioni sportive di Federico Molitierno. Il portiere, proveniente da L'Acquedotto Calcio a 5, con il fratello Francesco e Luca Leofreddi va a completare l'organico degli estremi difensori della prima squadra. 


Molitierno. Di scontato nella vita non c'è mai nulla, ma l'arrivo di Federico Molitierno alla S.S. Lazio Calcio a 5 è stato davvero una pura formalità. Gli indizi erano chiari. Cresciuto in maniera esponenziale nelle ultime due stagioni in maglia L'Acquedotto Calcio a 5, è anche il fratello più piccolo di Francesco Molitierno, il numero uno della prima squadra. I due passano cinque anni (classe '89 il primo, '94 il secondo) ed entrambi ricoprono il ruolo di portiere. Di Federico si dice un gran bene e con l'arrivo alla S.S. Lazio, ha la possibilità di compiere il definitivo salto di qualità, così come accaduto per il fratello maggiore. 

“Sì, il mio arrivo alla Lazio è stato quasi scontato – commenta il diretto interessato -. Per me è un grande salto e devo inoltre ringraziare Alessandro Arpinelli che mi ha voluto fortemente sin dal primo raduno. Con lui ho la possibilità di crescere tantissimo!”.

Molitierno va a completare il pacchetto di estremi difensori assieme al fratello e a Luca Leofreddi. “Con Francesco c'è un rapporto ottimo, dentro e fuori dal campo. Ho avuto già la possibilità di allenarmi con lui quando passò per L'Acquedotto due anni fa. È come un altro mister, mi ha dato tantissimi consigli e assieme a Leofreddi, portiere che ha già giocato in A e in A2, non posso che crescere. Ruberò con gli occhi tutti i loro segreti”. Non solo prima squadra, ma anche e soprattutto U21. Federico Molitierno avrà la possibilità di giocare con il tricolore sul petto: “L'Under 21 si è rinforzata parecchio e dovremo provare ad eguagliare e perché no superare i risultati ottenuti lo scorso anno. Giocare con lo scudetto sul petto è un grande onore, merito dei ragazzi che erano qui lo scorso anno: prenderò il posto di Basile, che ha fatto benissimo con questa maglia. È una grande sfida, daremo tutto”.